Banca Popolare di Bari: ora ci sono le conferme, abbandonato il progetto holding

di GianniPug Commenta

La Banca Popolare di Bari sembra proprio che abbia salutato definitivamente il progetto holding. L’istituto pugliese è pronto alla convocazione dell’assemblea straordinaria, avendo bene in mente l’apertura del capitale. E la trasformazione in società per azioni dovrà avvenire entro il prossimo mese di settembre. Insomma, nessun progetto intermedio da seguire e in cui far confluire i soci in seguito al diktat che è arrivato dalla Vigilanza.

Ricordiamo come la Popolare di Bari, insieme alla Popolare di Sondrio, sono le uniche due banche a non aver ancora provveduto alla trasformazione da cooperative a Spa, come invece previsto dalla riforma attuata dal Governo Renzi.

In realtà, nel corso degli ultimi giorni l’ipotesi della costituzione della holding si stava facendo sempre più strada. Infatti, i vertici della banca hanno più di una volta preso in considerazione tale soluzione per conservare il radicamento sul territorio. Il problema è che si sono dovuti “piegare” di fronte all’ordine arrivato dalla Vigilanza. Tra l’altro, anche gli stessi regolamenti di Banca d’Italia impedivano una manovra del genere.

Adesso, quindi, l’intento è quello, parallelamente alla trasformazione lineare in Spa, di tenere d’occhio il bilancio, ma anche il rilancio gestionale. L’intento è quello, in prospettiva, di rendere più semplice l’entrata di scena di un investitore che possa garantire l’apporto di un capitale non indifferente.

Proprio in merito a quest’ultima situazione, sono tante le voci che si stanno rincorrendo nel corso degli ultimi giorni. Le indiscrezioni su chi potrebbe essere il potenziale investitore stanno convergendo verso una direzione, che è quella di escludere un’altra banca italiana, anche in virtù delle dichiarazioni di Francoforte sulla solidità patrimoniale, per cui la soglia di allerta resta particolarmente elevata. E quindi? Oltre alla banca straniera non è da scartare nemmeno l’ipotesi che porta a dei fondi di investimento. Proprio in merito a quest’ultima possibilità, dei contatti in passato c’erano stati, ma non avevano portato a nulla di buono. Che sia giunto un momento più propizio?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>