Disoccupazione: Piemonte, sussidio per chi è senza ammortizzatori sociali

 
Filadelfio
27 ottobre 2009
commenti

sussidio disoccupati Disoccupazione: Piemonte, sussidio per chi è senza ammortizzatori socialiNel nostro Paese, purtroppo, gli ammortizzatori sociali sono per molti ma non per tutti. L’attuale Governo in carica ha esteso il più possibile il beneficio degli ammortizzatori sociali anche a chi non ne ha diritto, ovverosia i lavoratori precari, ma non tutti potranno fruirne. Di conseguenza, in questi mesi di crisi per l’economia reale e per il lavoro, sono stati i Comuni e le Regioni a mettere mano al portafoglio stanziando contributi a favore di chi ha perso il lavoro e, senza alcun sostegno al reddito, è rimasto per strada ed a spasso. L’ultimissima iniziativa in merito, ed in ordine di tempo, arriva dal Piemonte, dove la Regione ha stanziato quindici milioni di euro a favore di chi ha perso il lavoro e non ha accesso in alcun modo agli ammortizzatori sociali. In particolare, è stata predisposta l’erogazione di un sussidio, pari a ben tremila euro, a favore di tutti quei lavoratori che hanno perso il posto a partire dall’1 settembre del 2008, o che, purtroppo, lo perderanno entro il 31 dicembre di quest’anno.

Chiaramente oltre al vincolo di residenza o di domicilio nella Regione Piemonte deve essere rispettato anche quello sul reddito che, in particolare, deve essere tale che l’Isee, l’indicatore della situazione economica equivalente, non superi la soglia dei 13 mila euro. Tutti i disoccupati piemontesi possono in merito ottenere la certificazione dell’Isee, gratuitamente, presentandosi presso i Centri di Assistenza Fiscale (Caf) che sono convenzionati con l’Agenzia Piemonte Lavoro. Tutti i potenziali beneficiari del sussidio possono presentare la domanda a Torino, al 23/c di via Belfiore, dove è stato attivato uno sportello ad hoc per l’acquisizione delle domande per accedere al contributo.

Per chi, piemontese e disoccupato, non può recarsi a Torino per presentare a mano la domanda, può inviarla a mezzo raccomandata con ricevuta di ritorno entro e non oltre la data del 29 gennaio del 2010. Per acquisire il modulo di domanda, i cittadini disoccupati privi di ammortizzatori sociali, che hanno perso il posto di lavoro, possono scaricarlo o dal sito Internet www.agenziapiemontelavoro.net, oppure ritirarlo presso i Centri per l’Impiego delle Province piemontesi.

Commenta!

Commenti

  1. Daniele scrive:

    E dove sarebbe scritto che i lavoratori precari non hanno diritto?? io vivo con l’incubo di non arrivare a fine mese, adesso è un anno che non trovo lavoro e non ne ho diritto??? chi ne ha diritto? uno che lavora da 30 anni stipendiato e con tanto di pensione alle spalle?? che si è fatto casa e ha già 5 figli magari? Invece di scrivere “il beneficio degli ammortizzatori sociali anche a chi non ne ha diritto, ovverosia i lavoratori precari,” provate a scrivere “RIDATE IL LAVORO ALLA GENTE, PRIMA CHE SI DIA ALL’ILLEGALE”. E ve lo dice uno che è nulla tenente ma dico…..nulla, 0. Se faccio un debito e non pago posso ridermela alla grande perchè non possono pignorarmi niente, diversamente da quanto accadrebbe con chi è stato licenziato.

  2. francesco scrive:

    io 9 ore settimanali come collaboratore esterno….36 ore mensili pagate 6 euro….fate un po il conto…..dove sono tutti questi ammortizzatori ….

  3. [...] accordo con quanto reso noto dalla Regione nello scorso mese di ottobre, in Piemonte arriva un sostanzioso sussidio a favore dei lavoratori che, oltre ad essere in [...]

  4. anna scrive:

    ho presentato la domanda per sostegno al reddito 2009 (bando della regione piemonte) …si tratta di 3 mila euro accreditati in una carta prepagata .
    vorrei chiedere se qualcuno gia ricevuto sussidio?sono passati piu di 2 mesi dalla data che ho presentato la domanda e non ho ricevuto ancora nessuna risposta ….

  5. vincenzo scrive:

    io sono padre di due minori e una moglie a carico e dal lontano 2008 che non percepisco ammortizzatori sociali tra l’ altro vivo in provincia di parma mica nel profondo sud italy la mia disgrazia e stato di aver lavorato presso una cooperativa purtroppo a tempo determinato grazie a questo stato italiano di merda e le sue leggi alcune cooperative quando ti lasciano a casa non hai diritto di disoccupazzione o altri ammortizzatori sociali cosi mi sono rivolto al mio comune che risiede in emilia romagna del pdl e ai servizi sociali cosi hanno deciso di aiutarmi in senso economico dandomi un sussidio mensile di 200 euro al mese al che io non ci ho sputato sopra e cosi loro pensavano che potessi vivere felice contento oggi grazie al welfer sociale di questo stato europeo di merda italiano sono arrivato con 20 mila euro di debiti in banca da restituire per sopravvivere , sfratto esecutivo 3000 euro di bollette da pagare con minacce di distacco fra gas acqua e luce ma no voglio piu demolarizzarvi ma per ultimo non mi rimane che ringraziare i nostri cari ministri che non se ne fregano un cazzo dei loro cittadini come me che stanno sprofondando nella merda della poverta VERGOGNATEVI

  6. loredana scrive:

    io mamma che pur di sopravvivere fa qualsiasi lavoro, vorrei sapere se a 42 anni devo continuare con stage che lo stato approva, dove nn hai nulla di pagato come contributi, malattie ecc, e sei pure mal pagata, con figli a carico e completamente sola, e anche se fai domande su sussidi che la regione dovrebbe dare, nn vengono accettati, la crisi è di tutti lo so ma morire di fame perchè nessuno fa veramente nulla nn si può, spero che qualcuno risponda e mi dia risposte concrete, nn se ne può più……….. nn si deve arrivare al peggio solo per avere un lavoro che mi permetta di mantenere i miei figli…… grazie

  7. barbara scrive:

    ciao loredana a distanza di 2 mesi da quando hai scritto spero per te che sia cambiato qualcosa, io ti capisco benissimo sono una donna vedova dal 2008 con 2 bimbi di 10 e 11 anni e completamente senza lavoro.sono andata a chiedere aiuto anche al sindaco del mio paese dove vivo ,sai che risposta ho ottenuto che anche la sua povera moglie era senza lavoro!!!
    questa è l italia in cui viviamo senza aiuti da parte delle istituzioni a meno che non conosci qualcuno o scendi a compromessi!!! Io mi chiedo che razza di futuro avranno i nostri figli .
    Io ho 38 anni e cerco di arrangiarmi in nero a fare qualche ora in giro per poter avere la pagnotta a fine giornata perchè e a questo che siamo arrivati a pensare di sopravvivere giorno per giorno senza piu un futuro. ciao cara loredana

Articoli Correlati
Nuovi ammortizzatori sociali 2012

Nuovi ammortizzatori sociali 2012

Dei nuovi ammortizzatori sociali abbiano detto tanto, e in più occasioni, all’interno del nostro magazine. Un aspetto che abbiamo volutamente tralasciato, per riprenderlo in questa occasione, è relativo alla modalità […]

Ammortizzatori sociali in deroga: Regione Toscana, c’è l’accordo

Ammortizzatori sociali in deroga: Regione Toscana, c’è l’accordo

A valere sul biennio 2011-2012, c’è l’accordo nella Regione Toscana per la mobilità in deroga. A darne notizia è l’Amministrazione regionale dopo che con le parti sociali è stato siglato […]

Lavoro e ammortizzatori sociali: Regione Sardegna, garanzie anche per il 2011

Lavoro e ammortizzatori sociali: Regione Sardegna, garanzie anche per il 2011

Manca solo la firma, nella Regione Sardegna, per la copertura degli ammortizzatori sociali anche per l’anno 2011. A darne notizia giovedì scorso, 23 dicembre 2010, è stata l’Amministrazione regionale nel […]

Disoccupazione: Basilicata, ammortizzatori sociali per over 55

Disoccupazione: Basilicata, ammortizzatori sociali per over 55

Lunedì scorso, 4 gennaio 2009, in Basilicata è stato firmato un importante accordo che estende anche allo scorso anno il beneficio di accesso agli ammortizzatori sociali in deroga per i […]

Disoccupati Piemonte: arriva sussidio individuale da 2.500 euro

Disoccupati Piemonte: arriva sussidio individuale da 2.500 euro

In accordo con quanto reso noto dalla Regione nello scorso mese di ottobre, in Piemonte arriva un sostanzioso sussidio a favore dei lavoratori che, oltre ad essere in difficoltà, hanno […]