Inps e i nuovi importi 2010 per integrazione salariale, mobilità e disoccupazione

di Francesco Pentella 1

inps-mobilita-disoccupazione-novita-anno-2010L’Inps con la circolare n. 18 ha definito i nuovi importi massimi dei trattamenti di integrazione salariale, mobilità e disoccupazione nonché l’importo dell’assegno per attività socialmente utili in vigore dal 1° gennaio 2010.

In questo modo è stato recepito quanto prevede l’articolo 1 della legge n. 247 del 24 dicembre 2007.

Il trattamento di integrazione salariale e la retribuzione mensile di riferimento oltre la quale è possibile attribuire il massimale più alto è stabilito, come consueto, in due misure.

Con una retribuzione inferiore o uguale a euro 1.931,86 l’importo lordo del trattamento di integrazione salariale è fissato a 892,96 euro lordi, mentre con una retribuzione superiore a 1.931,86 euro il corrispondente trattamento di integrazione è pari a 1.073 euro lordi.

Il trattamento di mobilità è pari a 892,96 euro per una retribuzione inferiore o uguale a 1.931,86, mentre per una retribuzione superiore a 1.931,86 euro è stata fissata a 1.073,25 euro.

Per i lavoratori che hanno diritto al trattamento speciale di disoccupazione per l’edilizia, così come previsto dalla legge 223/1991 e 451/1994, trovano applicazione gli importi indicati dal trattamento di mobilità.

Per i lavoratori che hanno diritto al trattamento speciale di disoccupazione per l’edilizia di cui alla legge 427/1975 l’importo da corrispondere è fissato, per l’anno 2010, in euro 583,84 che, al netto della riduzione del 5,84 per cento, è pari ad euro 549,74.

L’importo mensile dell’assegno spettante ai lavoratori che svolgono attività socialmente utili è pari, dal 1° gennaio 2010, ad euro 533,12.

Inoltre, per quanto riguarda i lavori di pubblica utilità di cui al decreto legislativo 7 agosto 1997, n. 280, si precisa che per tale prestazione non operano né la rivalutazione annuale né l’aumento di cui all’articolo 45 della legge 17 maggio 1999 n. 144;  il relativo assegno resta pertanto fissato in euro 413,16 mensili.

L’istituto previdenziale ha anche fissato le aliquote contributive, circolare n. 13 del 2 febbraio 2010, dovute alla Gestione separata valide dal 1° gennaio 2010.

Le aliquote sono due. La prima del 26,72% (di cui 26% per aliquota IVS e 0,72% per quota aggiuntiva per maternità, assegni per il nucleo familiare, degenza ospedaliera e malattia) è dovuta per tutti che non sono assicurati presso altre forme di previdenza obbligatoria.

La seconda, del 17%, dovuta dai titolari di pensione e per gli iscritti ad altra forma di previdenza obbligatoria.

L’Inps ha inoltre ribadito che la ripartizione rimane a 1/3 per il collaboratore, mentre 2/3 per il committente, così come tra associante a associato.

Commenti (1)

  1. Salve cerco disperatamente una risposta sull’assegno della disoccupazione a requisitoridotti sono disoccupata da 3 mesi, ho fatto già la domanda da un mese e qualcosa aspetto solo i soldi, ma ho trovato qualche lavoretto e mi vogliono fare il contratto proprio in questi giorni, sai per caso se perdo il diritto di questo assegno dopo 3 mesi di disoccupazione e aver fatto già tutto, sono solo in attesa di questi soldi?.. ti ringrazerei tanto una risposta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>