Novità per la presentazione delle domande del Fondo di garanzia del TFR

di Francesco Pentella Commenta

L’Inps continua nel suo lavoro di facilitare il rapporto con l’utenza attraverso una sua sempre più precisa telematizzazione offrendo anche la possibilità di presentare le domande di intervento del Fondo di garanzia del TFR e dei crediti di lavoro.

Dal 1° aprile 2012, in base alla circolare n. 46 dello scorso 27 marzo 2012, le domande di intervento del Fondo di garanzia del trattamento di fine rapporto e dei crediti di lavoro diversi dal TFR e del Fondo di garanzia della posizione previdenziale, dovranno essere presentate in via telematica tramite l’utilizzando uno dei seguenti canali:

  • WEB – servizi telematici accessibili direttamente dal cittadino tramite PIN dispositivo attraverso il portale dell’Istituto;
  • Patronati – attraverso i servizi telematici offerti dagli stessi;
  • Contact Center Multimediale – attraverso il numero verde 803164.

In considerazione della rilevanza delle prestazioni, è stato comunque previsto un periodo transitorio – durante il quale le domande potranno ancora essere presentate secondo le consuete modalità – che scadrà il 31 maggio 2012. Pertanto, al termine di tale periodo, e quindi dal 1° giugno 2012, il canale telematico diventerà l’unico mezzo di presentazione delle richieste.

L’Inps ricorda che per accedere al servizio è sempre richiesta l’autenticazione tramite PIN dispositivo  (così come ha stabilito la Circolare n. 50 del 15 marzo 2011, rilasciato dall’Istituto, CNS (Carta Nazionale dei Servizi) rilasciata da una Pubblica Amministrazione ai sensi del DPR 117/04 o mediante altro dispositivo (smart card, chiavetta USB) contenente “certificato digitale di autenticazione personale” rilasciato da apposito ente certificatore rispondente agli standard definiti per la CNS.

L’utente, dopo aver inserito gli elementi relativi al rapporto di lavoro con il datore insolvente, può selezionare le prestazioni richieste ed inserire le dichiarazioni e i dati necessari per consentire l’istruttoria da parte della Sede.

Inoltre, sempre a fini istruttori, il cittadino dovrà trasmettere (con modalità cartacea/telematica tramite il servizio stesso) alla Sede INPS territorialmente competente la documentazione necessaria così come indicata:

  • per la domanda di intervento del Fondo di garanzia del TFR: al paragrafo 3.3 della circolare n. 74/2008;
  • per la domanda di intervento relativa ai crediti di lavoro diversi dal TFR: al paragrafo 4.4 della circolare n. 74/2008;
  • per la domanda di intervento del Fondo di garanzia della posizione previdenziale complementare: al paragrafo 8 della circolare n. 23/2008.

A conclusione dell’operazione è possibile salvare e stampare la ricevuta della domanda contenente il numero di protocollo attribuito dall’Istituto e la data di invio.