Come diventare educatore di asilo nido

di Redazione Commenta

Quello dell’educatore di asilo nido è una professione per lo più svolta dalle donne in Italia e per questo motivo sarebbe forse più corretto parlare, direttamente, di educatrice di asilo nido. In questa preferenza professionale non c’è nessuna differenziazione di genere, ma semplicemente la constatazione di un ruolo tipicamente “materno” che alle donne viene assegnato dalla natura stessa. Tempo fa questa professione poteva essere svolta da tutti coloro che avessero spiccato senso di responsabilità e amore per i bambini, ma di recente anche questa professione è stata riorganizzata. 

Attualmente, infatti, il percorso per diventare educatori di asilo nido è diventato più complesso, e per poter trovare lavoro nel settore è necessario avere un minimo di dimestichezza con bandi, concorsi e graduatorie e in alcuni casi possedere anche titoli di studi specifici o una laurea breve.

Come diventare decoratore o decoratrice

In questo post vogliamo quindi cercare di capire meglio come si fa a diventare educatore di asilo nido e quali sono le possibilità di impiego che si aprono per coloro che decidono di dedicarsi a questa professione.

Come diventare insegnante di origami

Come diventare educatore di asilo nido

Per iniziare a lavorare come insegnante di asilo nido è necessario al momento seguire un percorso formativo abbastanza preciso, così come previsto dalla normativa vigente, la quale impone, a tutti coloro che si dedicano a questa professione, di avere un determinato titolo di studio e un determinato curriculum vitae.

In primo luogo è necessario avere conseguito un diploma di maturità specifico alle scuole superiori, che potrà essere a scelta:

  • diploma di scuole magistrali
  • diploma di liceo delle scienze umane
  • diploma di liceo socio – psicopedagogico.

Una volta il diploma di maturità conseguito in queste specializzazioni era sufficiente per insegnare ai bambini in un asilo nido. Oggi i requisiti sono diventati molto più stringenti e in alcuni casi per lavorare in una scuola per l’infanzia è necessario avere anche un titolo di studio superiore.

Alle maestre di asilo, infatti, viene in genere sempre più di frequente richiesta anche una Laurea in Scienze della Formazione, soprattutto se si tratta di un posto di lavoro offerto all’interno di una struttura di tipo comunale. E’ necessario sapere, infatti, che esistono sia asili nido pubblici, gestiti dai comuni, sia asili nidi privati, gestiti da singole persone, associazioni o società.

Rispetto ai titoli di studio posseduti e richiesti, quindi, si può dire che negli asili nido privati possono essere richiesti in genere minori requisiti rispetto a quelli comunali e si può accedere al lavoro anche se non in possesso di laurea.

Per lavorare negli asili nidi privati è sufficiente il più delle volte possedere un attestato e avere frequentato molte ore di praticantato, superiori anche alle 300 in genere previste per il completamento del corso di educatrice stessa. I corsi di formazione per il settore vengono in genere rilasciati da istituti privati.

I corsi per diventare educatore di asilo nido possono durare dai 3 ai 6 mesi e sono di tipo teorico – pratico. Tra le materie oggetto di studio  vi sono pedagogia, psicologia, puericultura, alimentazione, igiene, tecnica organizzativa.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>