Come diventare barman

di Piero 81 Commenta

Si avvicina a grandi passi la stagione estiva e per questo motivo si possono prevedere nuove opportunità di lavoro per tutti coloro che hanno da spendere la propria professione nel settore del turismo e della ristorazione. Tra professioni tipiche del settore vi è senza dubbio anche quella del barman, figura oggi molto richiesta sia in Italia che all’estero. 

Il successo di un intero locale, infatti, al giorno d’oggi, bar o discoteca, può dipendere anche dalle figure professionali che sono impiegate al loro interno, che possono diventare dei veri e propri poli di attrazione per i clienti. Come si diventa barman? Anche quella del barman è una figura professionale che non si improvvisa e richiede un certo percorso di studi, esperienza e tanta professionalità, a seconda del locale in cui si lavora.

Ai barman sono infatti richieste competenze molto alte nel proprio settore, che prevedono conoscenze teoriche e conoscenze pratiche. E’ dunque consigliabile seguire un apposito corso formativo, magari arrivando da un istituto alberghiero. I barman devono inoltre possedere qualifiche di idoneità all’attività di somministrazione di cibi e bevande. La legislazione nazionale italiana è molto rigida da questo punto di vista e richiede un particolare attestato.

Alle conoscenze specifiche del proprio campo professionale devono poi essere aggiunte una serie di competenze e conoscenze di base, che potranno ad esempio essere impiegate per rispondere in maniera corretta ai diversi annunci di lavoro.

Anche in Italia negli ultimi tempi sono sorte numerose scuole che insegnano a svolgere questa professione con maestria e passione, e all’interno delle quali si impara a:

  • somministrare ogni tipo di drink incluso nelle liste dei cocktail internazionali – ai barman più esperti viene in genere richiesta la conoscenza di almeno 180 drink
  • realizzare un vero e proprio show dietro il bancone che possa intrattenere i clienti
  • diventare competitivi nel mercato del lavoro.

Oltre allo studio teorico, anche l’esperienza ha un grande valore in questo mestiere e quindi poter trascorre un periodo di tempo, magari attraverso un apprendistato, al fianco di un barman esperto può risultare una mossa vincente per la vostra carriera se siete ancora abbastanza giovani.

Ecco intanto alcuni indirizzi internet di scuole italiane che offrono corsi per barman di diverso tipo e durata:

  • www.flairproject.com – con sede a Roma
  • www.flairacademy.it – ha diverse sedi in Italia e offre corsi per professionisti
  • www.barmanonline.it – per chi vuole apprendere le tecniche dell’American Bartending System
  • www.planetone.it – organizza corsi per barman e in generale sull’arte del bartending.

Vediamo quindi quali sono le qualità essenziali che un barman dovrebbe possedere. Un buon barman dovrebbe possedere creatività e fantasia, capacità di degustazione, buone capacità mnemoniche, avere una spiccata predisposizione per le relazioni sociali oltre al fatto di avere un carattere socievole ed espansivo e prediligere il lavoro notturno.

Come barman si può lavorare in diversi tipi di attività turistiche, ricreative, alberghiere e di somministrazione – cioè ovunque vi sia un bar con bancone e somministrazione di cibi e bevande – sia in strutture italiane che all’estero e in modo particolare nei periodi di vacanza. Anche villaggi turistici e navi da crociera sono luoghi da tenere molto presenti. Le nazioni estere da preferire per svolgere questa sono Olanda, Germania e Florida, ma sarà richiesta la conoscenza della lingua straniera. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>