Veterinario: chi è e che cosa fa

di Redazione 8

Un tempo, il veterinario si occupava essenzialmente di animali da reddito allevati in modo tradizionale. Oggi si occupa di tutti tipi di animale, spaziando dalla loro alimentazione, alla loro riproduzione, alla loro salute.

Il veterinario è, quindi, un medico che si occupa dell’igiene e della salute degli animali, oltre che degli alimenti derivati dagli animali.

Le funzioni principali del veterinario sono:

  • La prevenzione e la cura della salute dei piccoli animali domestici e degli animali da allevamento
  • La prescrizione di terapie adeguate nei casi di patologie
  • I controlli igienico sanitari degli allevamenti
  • I controlli sugli alimenti di origine animale
  • Lo studio dei programmi di fecondazione artificiale

Il veterinario deve avere una buona conoscenza generale delle specie animali, delle problematiche riguardanti la loro salute, la loro alimentazione, anche in relazione alle esigenze di allevamento. Deve, inoltre, essere esperto delle tecniche e dei metodi per la diagnosi e la cura delle malattie.

Il veterinario opera nello stesso modo tra il settore pubblico (ad esempio per lo Stato, per le regioni e per gli istituti zoo-profilattici) e privato, come libero professionista (ad esempio presso gli allevamenti, le industrie zootecniche, le aziende chimiche e farmaceutiche, ma anche le industrie di trasformazione e conservazione dei prodotti di origine animale). L’accesso al settore pubblico del veterinario è regolato da concorsi ed è soggetto anche ad eventuali specializzazioni. Per diventare veterinario, è necessaria una laurea in Medicina veterinaria (Laurea magistrale a ciclo unico).

Dopo la laurea in Medicina Veterinaria, per l’esercizio della professione, è necessario superare l’esame di Stato per l’abilitazione professionale e iscriversi all’Albo dell’Ordine dei Veterinari. Possono essere molto importanti per l’inserimento professionale non solo dei corsi di aggiornamento, ma anche la frequenza di scuole di specializzazione e di master.

Per avere maggiori informazioni, consultare i seguenti link:

  • www.fnovi.it (Federazione Nazionale Ordini Veterinari Italiani).
  • www.anmvi.it (Associazione Nazionale Medici Veterinari Italiani).

Commenti (8)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>