CGIL, la guida 2011 per chi cerca lavoro

di Redazione Commenta

La CGIL mette a punto la sua guida 2011 rivolta ai giovani che hanno la necessità di cercare e valutare, in modo critico, ogni singola offerta di lavoro. Il nuovo manuale della CGIL, che può essere scaricato dal sito istituzionale della confederazione sindacale, offre un quadro delle recenti normative in tema di lavoro oggi in vigore. Non solo, la guida permette anche di valutare le singole offerte, offre alcuni suggerimenti su come affrontare la ricerca di lavoro.

La guida 2011, che può anche essere ritirata in forma cartacea presso tutte le Camere del Lavoro della CGIL senza nessuna spesa, è stata realizzata in collaborazione con il Dipartimento nazionale Politiche giovanili della CGIL con il contributo di NIdiL CGIL e delle quattro verticalità del Sistema servizi: INCA, CAAF, UVL e SOL.

Per Mauro Soldini, Coordinatore Nazionale Sistema Servizi Cgil, la guida è dedicata

Ai giovani che cercano e pensano a un lavoro che non hanno ancora incontrato. A coloro che un lavoro lo hanno avuto ma che lo hanno già perso. Ai giovani che lavorano nella più totale precarietà senza diritti e senza tutele. A quelli che sono riusciti ad ottenere un lavoro normale con un contratto normale. Ai giovani che vogliono sapere di più dei loro diritti. A chi vuol capire come orientarsi nel mercato del lavoro e conoscere i mestieri e le attività che possono dare occupazione. Ai giovani che cercano percorsi formativi coerenti con le loro capacità e con i loro progetti professionali. Alle ragazze e ai ragazzi, alle giovani donne e ai giovani uomini che vogliono il Lavoro, con quell’articolo determinativo che vuol tenere dentro aspirazioni, emancipazione, benessere, diritti, ma soprattutto rispetto.

La guida affronta praticamente tutto: si va dalla predisposizione di un efficace curriculum vitae alla definizione di un piano individuale per la ricerca di un lavoro, dal colloquio di selezione ai percorsi formativi legati al lavoro.

La seconda parte della guida intende dare informazioni precise sui singoli contratti di lavoro non trascurando i rapporti con il fisco e il ruolo della previdenza come elemento indispensabile per assicurare un futuro sereno al giovane lavoratore.

Fonte CGIL

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>