CISL, per la ripresa industriale servono risposte forti

di Redazione 1

La CISL ha presentato il suo ottavo Rapporto Industria e, secondo le attente valutazioni della centrale sindacale, i dati emersi confermano per il nostro Paese una ripresa lenta tanto che dal leader della Cisl Raffele Bonanni e Luigi Sbarra, segretario confederale responsabile del dipartimento Industria, hanno posto in evidenza che in termini tendenziali nel 2010 la produzione del settore industriale, comprese le costruzioni, è cresciuta del 6,4%, recuperando solo parzialmente la caduta del 18,9 % registrata nel 2009, preceduta dal calo del 3,4 % nel 2008.

Lo studio della Cisl ha ribadito che, sino all’inizio del 2011, l’attività produttiva ha recuperato circa l’11% rispetto al minimo ciclico del marzo 2009: un dato che conferma che all’inizio del 2011 il livello di produzione è ancora al di sotto di circa il 19%.

Sul fronte occupazionale si registrano 507.800 i posti di lavoro persi e circa 260 mila persone coinvolte negli ammortizzatori sociali, di cui circa 174 mila con prospettive occupazionali incerte, cioè, in altre parole, a rischio.

Per la Cisl di Raffaele Bonanni occorre dare risposte precise con interventi mirati

C’è stato un timido rilancio produttivo, ma non siamo riusciti a colmare la voragine che ha prodotto 500 mila disoccupati e messo 200 mila in cig. Il sistema industriale non riesce a essere governato. C’è una incapacità del governo. Proprio da qui occorre ripartire e su questo è necessario aprire una discussione forte e immediata anche in Parlamento

Per il massimo responsabile della Cisl

L’unico modo è dare forza al mercato interno e applicare soluzioni forti per dare sostegno ad una produzione che non riesce a crescere ad oggi la situazione è abbastanza statica, salvo una piccola ripresa che ha riguardato l’export

Dello stesso avviso anche Luigi Sbarra

In questi anni abbiamo lavorato per non lasciare soli i lavoratori ma ancora manca un progetto credibile di politica industriale

Per la seconda organizzazione sindacale italiana occorre reagire definendo una nuova politica industriale, favorire una cultura di impresa e favorire gli investimenti privati nel settore.

Commenti (1)

  1. dovete far chiudere tutte le agenzie interinali, sono loro la principale causa della distruzione dei posti di lavoro!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>