Come diventare tatuatore

di Piero 81 Commenta

167440710Quella che vi proponiamo oggi è l’analisi di una professione molto recente in Italia, che ha vissuto una più ampia diffusione e una consacrazione a vero e proprio mestiere solo negli ultimi anni. Stiamo parlando della professione del tatuatore, che, lungi da essere una attività soggetta ad improvvisazione, è invece una professione che compete con tanti altri lavori in cui l’esperienza, la conoscenza e le capacità artistiche della persona rivestono un ruolo fondamentale. 

A partire dagli anni 2000 i tatuaggi sono diventati sempre più all’ordine del giorno. Un modo per decorare il proprio corpo ed esprime in maniera indiscutibile la propria personalità, non più una moda passeggera e non più confinati sui corpi di alcune particolari categorie di persone.

Come diventare chef

Oggi anche il mondo dei tatuatori è molto più consapevole o organizzato del passato. Esistono scuole e famiglie che tramandano questo mestiere e gli addetti ai lavori si incontrano e si confrontano in eventi e convention annuali. In questo post troverete allora alcune utili informazioni su come intraprendere questa professione, su quali sono i requisiti di base richiesti per abbracciare questo lavoro e su quali sono i compiti specifici di chi svolge questo mestiere.

Come diventare bagnino

Cosa fa un tatuatore

Come lavora un tatuatore? La prima cosa da sapere è che anche dietro ad un piccolissimo disegno si nascondono tantissime ore di lavoro. Il compito principale di un tatuatore, infatti, non si limita solo a quello di tatuare una nuova figura sul corpo di una persona, ma consiste soprattutto nel lavoro preparatorio, che riguarda la creazione del disegno. Quello che forse è meno noto, riguardo a questa professione, è che un tatuatore professionista dedica almeno un paio di ore al giorno al disegno, in modo tale da mantenere allenata la mano.

Quali sono i requisiti professionali di un tatuatore

Una delle principali caratteristiche richieste ad un tatuatore è quindi uno spiccato senso artistico e una propensione per il disegno a mano libera, tanto che a coloro che non sono portati per questa attività, per cui bisogna nutrire una innata passione, viene sconsigliato di dedicarsi a questo mestiere.

E’ necessario tenere presente, inoltre, che per essere e rimanere competitivi sul mercato, è consigliabile produrre sempre lavori molto originali e difficilmente ripetibili. Servirà quindi essere davvero molto bravi nel proprio lavoro.

Come diventare tatautore

L’attività dei tatuatori è stata regolamentata ufficialmente dal Ministero della Salute solo nel 1998, anno a cui risale una circolare ministeriale, la Circolare 05.02.1998 n. 2.9/156, che illustra e prescrive le condizioni attraverso le quali deve essere esercitata per legge l’attività del tatuatore.

Per diventare tatuatore è quindi oggi necessario seguire in primo luogo un corso formativo regionale della durata di 90 ore, a pagamento,  con un prezzo che si aggira tra i 1600 e i 1800 euro, che prevede anche il superamento di una prova finale. In questo corso 30 ore sono dedicati all’attività pratica, quindi al disegno e alle altre abilità proprie, ma per il resto si tratta di uno studio teorico sulle norme di igiene, sicurezza e tecnica, indispensabili per lo svolgimento della professione a contatto con il pubblico.

Il diploma, però, non conferisce al tatuatore la necessaria esperienza pratica ed è quindi consigliabile svolgere un periodo di apprendistato presso un tatuatore esperto, creando nel frattempo un proprio portfolio di lavori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>