Manovra 2011, le modifiche ai trattamenti di sostegno al reddito

di Redazione Commenta

Con la manovra di luglio, in particolare all’articolo 18 della legge n. 111/2011, il Legislatore ha abrogato, a partire dal 6 luglio, il comma 10-bis dell’articolo 19 del decreto n. 185/2008, convertito, con modificazioni, nella legge n. 2/2009, con la quale ai lavoratori non destinatari del trattamento di mobilità previsto dall’articolo 7 della legge n. 223/1991 poteva essere erogato, in caso di licenziamento o cessazione del rapporto di lavoro, un trattamento di ammontare equivalente all’indennità di mobilità.

Ora la norma dispone che si possano concedere riconoscimenti economici a chi, non rientrando nell’ambito della tutela di sostegno dell’articolo 7 della legge n. 223/1991, disponga del trattamento di disoccupazione con requisiti normali. L’eventuale trattamento integrativo sarà pari alla differenza tra il trattamento di disoccupazione spettante e l’indennità di mobilità per un numero pari alla durata del trattamento dell’indennità di disoccupazione.

La nuova disposizione legislativa ha apportato alcuni chiarimenti in fatto di indennità di mobilità e sul trattamento di disoccupazione con requisiti normali.

Per quanto riguarda l’indennità di mobilità (che presuppone una richiesta all’INPS del lavoratore da presentare entro 68 giorni dalla data del licenziamento)  è riconosciuta ai lavoratori posti in mobilità da imprese rientranti nel campo di applicazione  della CIGS (art. 4 della legge n. 223/1991) che possano far valere un’anzianità aziendale di almeno 12 mesi di cui 6 effettivamente lavorati (comprese ferie, festività, gravidanza, puerperio ed infortuni) con un rapporto di lavoro a carattere continuativo.

La durata massima è di 12 mesi, elevati a 24 per gli “over 40” ed a 36 per gli “over 50”: nelle aree del Mezzogiorno la durata è elevata di ulteriori 12 mesi. L’indennità spetta in misura percentuale del trattamento di CIGS ed è del 100% per i primi 12 mesi e dell’80% per i periodi successivi.

Ricordiamo che gli importi sono stati fissati, per il 2011, dalla circolare INPS n. 25 del 4 febbraio 2011.

 E’ importante sapere che il lavoratore viene cancellato dalle liste di mobilità e perde la relativa indennità quando viene assunto con contratto a tempo pieno e indeterminato o con contratto di lavoro parasubordinato (co.co.pro. e mini co.co.co.) o diventa titolare di un trattamento pensionistico diretto.

I lavoratore in mobilità che intende intraprendere un’attività autonoma viene cancellato dalle liste e, a richiesta, può percepire anticipatamente l’intero ammontare di indennità di mobilità spettante.

Il lavoratore in mobilità che viene assunto con contratto di lavoro part-time o a tempo determinato mantiene l’iscrizione nella lista, l’indennità di mobilità rimane sospesa, le giornate di lavoro non vengono calcolate ai fini della determinazione del periodo di durata dell’indennità spettante.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>