Fondo politiche sociali, in Gazzetta Ufficiale i decreti di riparto

di Francesco Pentella Commenta

Sono stati pubblicati sulla Gazzetta Ufficiale n. 8 del 12 gennaio 2011 i Decreti Interministeriali del 4 ottobre 2010, con i quali vengono ripartite, fra le Regioni e le Province autonome, le risorse del Fondo Nazionale per le politiche sociali e del Fondo per le non autosufficienze per l’anno 2010.

Le somme ripartite vengono liquidate agli enti destinatari al netto delle somme relative all’annualità 2010 già anticipate con decreto del Ministro dell’economia e delle finanze n. 35725, del 7 maggio 2010, registrato dalla Corte dei conti il 21 maggio 2010.

È opportuno ricordare che il  mancato utilizzo delle risorse da parte degli enti destinatari comporta  la revoca dei  finanziamenti.

A questo scopo, le  regioni,  anche alla luce degli obblighi di trasparenza di cui all’articolo 11 del decreto legislativo 27 ottobre 2009 n. 150, comunicano al Ministero del lavoro e delle politiche sociali, nelle forme e nei  modi previamente concordati, tutti i dati necessari al monitoraggio dei flussi finanziari e, nello specifico, gli interventi, i trasferimenti effettuati  e  i  progetti finanziati con le risorse del Fondo stesso.

Le regioni, grazie alla decisione del Parlamento italiano, si impegnano nell’ambito delle proprie competenze – funzioni di  programmazione, coordinamento e indirizzo degli interventi sociali ai sensi  dell’articolo 8 della legge 8 novembre 2000 n. 328 – a dare attuazione alla decisione del Parlamento europeo e del Consiglio del 22 ottobre 2008 nel proclamare il 2010 come l’Anno europeo della lottà alla povertà e all’esclusione sociale, utilizzando, a questo proposito, i fondi che il  legislatore ha voluto attribuire.

Il nostro Legislatore, lo scorso anno, ha definito e realizzato diverse iniziative allo scopo di promuovere e sostenere la lotta alla povertà e all’esclusione sociale, il contrasto alle povertà estreme, l’inclusione sociale degli immigrati, e l’accoglienza dei minori fuori della famiglia di origine, inclusi i minori  stranieri  non  accompagnati.

In applicazione della circolare n. 0128699 del 5 febbraio 2010 del Ministero dell’economia e delle  finanze,  la quota  riferita  alle  province  autonome  di  Trento  e  Bolzano  è calcolata ai soli fini della comunicazione del relativo ammontare  al Ministero stesso per le conseguenti variazioni di bilancio in riduzione dei suddetti stanziamenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>