Contributi per le imprese in difficoltà in Piemonte

di RobertoR Commenta

La Giunta Regionale piemontese ha approvato una serie di provvedimenti nell’ambito del Programma pluriennale per le attività produttive 2011 – 2015. Un programma che ha stanziato 12 milioni di euro, i quali verranno progressivamente integrati con ulteriori fondi, fino a giungere a un massimo di 30 milioni di euro, utili per poter garantire prospettive più durature, e sostegni più solidi per le piccole e le medie imprese in difficoltà.

Sulla base di quanto affermato dall’Assessore allo Sviluppo Economico, Massimo Giordano, è oramai “indispensabile concentrare le risorse disponibili in contesti sempre più strategici, preferibilmente operanti in settori ad alto contenuto d’innovazione o nei servizi avanzati. Con il fondo di reindustrializzazione” – prosegue l’Assessore – “consentiamo alle imprese di specializzare al meglio il proprio portafoglio di attività. Una misura che va quindi in molteplici direzioni: sostegno alle aziende in difficoltà, utilizzo di fondi per start up, riqualificazione industriale, stimolo all’innovazione”.

Il fondo attualmente prevede uno stanziamento di 5 milioni di euro, e supporta le piccole e le medie imprese attraverso varie forme di utilizzo, finalizzate al raggiungimento di un accordo di ristrutturazione che evidenzi la sostenibilità in termini produttivi e occupazionali del piano industriale dell’azienda, e ancora nell’impiego delle risorse per acquisire in tutto o in parte lo stabilimento industriale.

L’obiettivo di questi strumenti è quello di favorire nuovi investimenti, le rifunzionalizzazioni del sito dismesso con particolare riferimento ad aspetti ambientali, impiantistici e di sicurezza, il sostenimento dell’insediamento nella fase di start up, e la realizzazione di programmi di varia natura.

“In un momento nel quale è altissimo il dato legato alla chiusura delle aziende era fondamentale realizzare una misura che salvaguardasse il know how e le eccellenze rappresentate da decine di imprese piemontesi che rischiano di scomparire” – ha sottolineato l’Assessore al Lavoro Claudia Porchetto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>