Contributi pesca, le sovvenzioni per la Sardegna e il Veneto

di Redazione Commenta

Andiamo oggi ad affrontare, pur brevemente, il discorso inerenti i contributi per il settore della pesca in due delle Regioni italiane che di tale risorsa fanno tra i propri principali business. Sia in Sardegna che nel Veneto, infatti, sono disponibili alcune linee di sovvenzione che gli operatori del settore potranno trovare certamente di grande utilità, soprattutto per quanto riguarda i giovani imprenditori che non desiderano lasciare questo settore primario estremamente importante.

Sul sito della Regione Sardegna (www.regione.sardegna.it), infatti, è ancora possibile consultare la determinazione del 2 settembre 2011, n. 20909, che prevede l’accesso ai contributi del Fondo Europeo per la Pesca, fino ad esaurimento delle risorse stanziate.

Il bando è a disposizione di tutti i soggetti e gli organismi pubblici, semipubblici, o i provati designati dagli stessi organismi, o ancora organizzazioni che operano per conto dei produttori, o organizzazioni professionali riconosciuti. L’obiettivo del bando è quello di aprire le attività verso nuovi mercati, e per campagne rivolte ai consumatori, che possano realizzare una politica della pesca di qualità, e possano quindi valorizzare, promuovere e sviluppare i nuovi mercati per i prodotti della pesca e dell’acquacoltura.

Simile, e per certi versi di respiro più ampio per i suoi beneficiari, è anche il bando della Regione Veneto, disponibile sul sito internet www.regione.veneto.it, in riferimento alla Delibreazione del 4 ottobre 2011, n. 1590, pubblicata sul B.U.R. Del 14 ottobre 2011, n. 77.

Il bando, anch’esso disponibile fino ad esaurimento delle risorse stanziato, permette a coloro che operano nel settore, e sono in possesso della licenza di pesca professionale per le acque interne, di poter ottenere fondi per la pesca nelle acque locali. I fondi serviranno a sostenere gli investimenti per la costruzione, l’estensione, il potenziamento e l’ammodernamento delle attrezzature per la pesca, migliorando sicurezza, condizioni del lavoro, igiene e qualità del prodotto, la salute umane e animale, e la riduzione dell’impatto negativo sull’ambiente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>