Germania, bisogna dare un limite agli interinali

di Redazione 1

In Germania il sindacato unitario Dgb ha deciso di scendere in lotta per protestare con il continuo ricorso al lavoro interinale che ha ormai assunto un fenomeno allarmante; in effetti, secondo i dati in possesso dal sindacato Dgb, nelle città di Amburgo, Berlino e Francoforte il fenomeno trova una diffusione allarmante, ma soprattutto ad Amburgo si stima una cifra di poco meno di 31mila contratti.

Per la potente organizzazione metalmeccanica sindacale tedesca, l’Ig Metall, il fenomeno è ormai fuori controllo con applicazioni dubbie; in effetti, per Eckard Scholz le imprese ricorrono al lavoro interinale non solo per compensare la manodopera in momenti di elevata domanda, ma, soprattutto, le aziende utilizzano questa particolare contratto di lavoro anche per impiegare lavoratori con basse retribuzioni e privi di prospettiva.

I dati diffusi da Ig Metall sono allarmanti: nell’industria elettrica la quasi totalità dei nuovi impieghi sono lavoratori precari, mentre solo il 15% è a tempo indeterminato. Secondo i dati sindacali il 43% delle assunzioni viene effettuato attraverso le agenzie di lavoro interinale e un altro 42% sono assunzioni precarie, a tempo determinato.

Il problema assume una valenza sociale e non è più utilizzato per sopperire ad esigenze temporanee, ma, sempre secondo Scholz, i lavoratori interinali pur compiendo le stesse attività dei loro colleghi a tempo indeterminato ricevono uno stipendio inferiore.

L’Ig Metall è dal ’97 che si batte per una vera pari opportunità ma le prospettive, però, non sono per nulla confortabili perché, è opportuno ricordarlo, il prossimo 1 maggio prende l’avvio la totale liberalizzazione del mercato del lavoro in tutta l’Unione Europea tanto che si chiede a gran voce nuove regole sul salario minimo e maggiori tutele sociali che possano penalizzare le aziende che versano ai propri dipendenti retribuzioni inferiori ad un ammontare orario che dovrà essere stabilito.

Il portavoce dell’Ocse in Germania, Matthias Rumpf, ha osservato che, sebbene la protezione dai licenziamenti è molto elevata, nel segmento dei lavoratori interinali  e dei contratti a termine si percepisce una particolare discriminazione con diritti inferiori.

Commenti (1)

  1. Io è da tempo che boicotto gli annunci delle agenzie interinali, rispondo solo agli annunci delle aziende vere e proprie e così elimino il problema alla radice. La mia esperienza vale, non bisogna svendersi per 1 lavoro da 1 mese o 2.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>