Le Skills necessarie nel mondo del lavoro odierno

di Gio Tuzzi 1

Tutto quello che c'è da sapere su un argomento più complesso di quanto si possa pensare

Photo by rawpixel / Pixabay License

Negli ultimi 5 anni il mondo del lavoro ha subito una vera e propria rivoluzione. Le tecnologie digitali e l’aumento dei canali di comunicazione, soprattutto online, ha portato sia i datori di lavoro che i dipendenti a rivedere in toto il concetto stesso di impiego e sono cambiate le competenze necessarie richieste a chi è in cerca di occupazione. Se fino a qualche tempo fa la preparazione tecnica, i titoli accademici e l’esperienza la facevano da padrone, oggi sono le capacità trasversali e personali a contare di più, le cosiddette “Soft skills”. Ma quali sono le più ricercate e perché sono diventate così importanti? Proviamo a scoprirlo.

Se per “hard skills” si intendono le competenze “oggettive” come la conoscenza di un programma o di una metodologia di lavoro, con il termine “soft skills” vengono considerate tutte quelle capacità relative alle caratteristiche personali, al modo di comunicare, alle abilità relazionali e a tutto ciò che riguarda la sfera emotivo-espressiva di un impiego.

Abilità che non sempre si imparano nelle università o nei corsi professionali ma che diventano fondamentali nel mondo del lavoro alle soglie del 2020. Ma quali sono in concreto le abilità che ci servono per trovare un impiego e che, ovviamente, dovremo ben sottolineare nei nostri CV?

La prima è la capacità di risolvere problemi, il famoso “problem solving”. Innanzitutto è opportuno precisare che non ci si riferisce qui, come nel passato, a un processo meccanico di problema-risposta. Stiamo parlando invece della capacità di utilizzare la creatività personale per risolvere situazioni inaspettate ideando soluzioni fuori dagli schemi e originali.

Una skill legata a doppio filo alla creatività. Ogni giorno nascono nuovi prodotti, nuovi servizi e nuove metodologie di lavoro. E nonostante i progressi fatti nel mondo dell’automazione e della tecnologia la componente umana resta preponderante nei processi aziendali. Essere creativi oggi significa elaborare idee inedite, porre ai datori di lavoro nuove sfide e proporre soluzioni a cui nessuno aveva mai pensato. Quella che era una specificità riservata agli artisti e agli uomini di cultura rientra a pieno diritto nella realtà lavorativa.

Nelle attività sportive così come nel lavoro odierno, è poi necessario essere in grado di negoziare efficacemente. Gli stakeholders di ogni attività si sono moltiplicati a dismisura, così come i referenti e i canali di comunicazione attraverso cui interagire. La negoziazione è proprio per questo motivo una delle “social skill” più ricercate. Chi è in grado di interfacciarsi in maniera lucida e coerente con la mission aziendale con i propri colleghi, con i clienti e i superiori ha molte più possibilità di trovare un posto di lavoro stabile.

Accanto alla sfera razionale sta assumendo sempre maggiore importanza la componente emotiva, soprattutto nei processi di team building: capire le emozioni di chi condivide ogni giorno con noi l’esperienza lavorativa e modificare i nostri comportamenti per creare un ambiente di lavoro caratterizzato da serenità e collaborazione è prerogativa indispensabile sia per chi gestisce piccoli gruppi che soprattutto per i manager e i dirigenti, “costretti” ormai a conoscere approfonditamente il carattere e le esigenze di ogni membro dello staff e a metterli nelle condizioni ottimali per produrre.

Photo by JESHOOTS.COM/ unsplash.com licence

Lavorare oggi significa poi essere sottoposti a continue pressioni. Tutte le occupazioni si sono fatte più “veloci”, le richieste aumentano e non è facile mantenere la concentrazione nei momenti di difficoltà. Proprio per questo la capacità di gestire lo stress diventa fondamentale a ogni livello. Una capacità che va affinata nella vita quotidiana e poi portata sul posto di lavoro.

Spesso sottovalutata, a torto, è la “service orientation”, ossia la capacità di individuare, riconoscere e studiare i bisogni dei clienti per offrirgli soluzioni personalizzate e anticipare le possibili esigenze che potrebbero nascere in futuro. Oggi l’offerta di prodotti, opportunità e servizi è quasi infinita. A noi il compito di saper leggere le tendenze e i trend che si muovono nella società e a rispondere alle richieste di ogni referente. Ovviamente nel minor tempo possibile.

Commenti (1)

  1. Quante scemenze per giustificare il vostro inutile ruolo di HR. Non capite un cazzo di talenti!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>