Il Ministero del Lavoro si prepara alla VI conferenza nazionale del volontariato

di Redazione Commenta

Il volontariato è certamente una vera risorsa del Paese che permette di intervenire in settori dove la presenza dello Stato magari è carente. A questo proposito, il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali informa che la VI Conferenza di svolgerà all’Aquila il prossimo 5-7 ottobre 2012, ma prima di arrivare a questo importante evento, il Ministero invita ad un intraprendere un percorso di confronto preventivo che possa dare spunti di riflessione e di discussioni su questo importante tema.

A questo proposito, il Ministero auspica una serie di incontri con le Organizzazione territoriali attraverso tramite le reti nazionali ed i Centri di Servizio per il Volontariato allo scopo di consentire alle piccole organizzazioni di volontariato, di partecipare e dare il proprio contributo, confrontandosi anche con le nuove forme di impegno civile e di cittadinanza attiva.

Non solo, sempre per il Ministero del Lavoro è anche necessario raccogliere e valorizzare le diverse realtà anche per mettere a punto una sintesi dei contributi offerti che saranno raccolte in un documento che dovrà essere poi discusso alla Conferenza di ottobre 2012.

Ricordiamo che la Conferenza è organizzata dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, in particolare dalla Direzione Generale per il Terzo Settore e le Formazioni sociali, in collaborazione con l’Osservatorio Nazionale per il Volontariato e in partenariato con la Provincia de L’Aquila e il Coordinamento Nazionale dei Centri di Servizio per il Volontariato – CSVnet.

Il 18 maggior scorso, sempre nella città abruzzese, si è svolto la prima tappa di questo importante appuntamento con una partecipazione numerosa e convinta da diverse associazioni aquilane: l’incontro ha confermato il ruolo importante delle associazioni con la loro presenza sul territorio insieme al contributo degli esperti del settore.

Il volontariato, specie in questo particolare momento storico, è chiamato a dare il proprio contributo allo sviluppo del Paese

Il volontariato è quindi chiamato a dare il proprio contributo nella ricerca di nuovi modelli di sviluppo che siano sostenibili, equi e solidali. Può e deve farlo, perché nella propria identità e nella propria esperienza ha una serie di elementi che indicano strade nuove e, in parte, già sperimentate, sia pure su scala limitata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>