Moda, la classifica delle migliori aziende dove lavorare

di Fabiana Commenta

Vi piace il settore della moda e controllate in continuazione le possibilità di poter entrare in una grande azienda? Sappiate che non tutte le aziende sono uguali e ce ne sono alcune migliori delle altre: questo è quanto emerge dal report di The Best Companies To Work For In Fashion redatto dalla Business Of Fashion che ha stilato una classifica delle 16 migliori aziende di moda dove lavorare.

ADIDAS, MODA

Benefit e ricompense ai dipendenti, leadership, possibilità di crescita, cultura e ambiente di lavoro sono stati i criteri su cui sono state valutate le aziende dai dipendenti. 

PRADA ASSUME LAVORATORI SPECIALIZZATI

A conquistare il podio sono Adidas, Berluti, Calvin Klein, ma ecco la lista completa. 

E così ecco la lista delle 16 aziende:

Adidas

Berluti

Calvin Klein

Cotton On Group

Farfetch

Galeries Lafayette

Gap Inc.

Gucci

H&M

Levi Strauss & Co.

Loewe

Nordstrom Inc.

Tommy Hilfiger

Warby Parker

Zalando

Zara

ZARA ASSUME PERSONALE

Adidas, valorizza soprattutto il talento e la possibilità di carriera dei dipendenti, la Berluti assiste il dipendente e la qualità della vita, mentre Calvin Klein li sostiene mantenendo un buon equilibrio fra stress e stile di vita. Gucci è attenta alla comunicazione e alla trasparenza. Cotton on Group garantisce stipendi competitivi e orari flessibili, Farefetch.com mantiene una buona comunicazione con i dipendenti, Galeries Lafayette li motiva con gratificazioni, Gap Inc offre pacchetti di compensazione, Zara e H&M premiano la democrazia e promuovono con facilità, Loewe e Levi Strauss & Co offrono stipendi alti, Nordstrom Inc favorisce la creatività, Tommy Hilfiger punta all’ambiente di lavoro sereno, Zalando e Warby Parker aiutano i dipendenti nella crescita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>