La pensione dei dipendenti pubblici nel 2010

di Redazione Commenta

Con 40 anni di contributi un dipendente pubblico, con decisione unilaterale dell’amministrazione pubblica, potrà essere collocato a riposo: questa è una delle novità introdotte dalla legge 102/2009 di conversione del “decreto anticrisi del 1° luglio 2009 n. 78”.

La legge ha modificato la norma prevista dalla legge 15/2009 sostituendo la frase da “anzianità di servizio effettivo” con “anzianità contributiva”. Con la norma contenuta nella legge 15/2009 un dipendente pubblico poteva essere licenziato con la maturazione dei 40 anni di servizio effettivo non computando nel calcolo i periodi di contribuzione figurativa o di riscatto, quali il servizio militare o il riscatto laurea.

Con le modifiche apportate si dovranno calcolare gli anni di servizi contributivi a prescindere dal numero di anni di servizio.

All’articolo 17 della legge 102/2009:

Per gli anni 2009, 2010 e 2011, le pubbliche amministrazioni […] possono, a decorrere dal compimento dell’anzianità massima contributiva di quaranta anni del personale dipendente, nell’esercizio dei poteri […], risolvere unilateralmente il rapporto di lavoro e il contratto individuale, anche del personale dirigenziale, con un preavviso di sei mesi […].

Come prevede la nuova norma, la facoltà di licenziamento può essere esercitata nel periodo 2009-2011 rispettando il preavviso dei sei mesi e il collocamento a riposo deve coincidere con la “finestra” pensionistica dato che la legge intende garantire la continuità economica e contributiva.

Dal 1° gennaio 2010 la norma entra a pieno regime con l’obiettivo primario di svecchiare l’apparato burocratico dello stato.

La norma è applicabile a tutto il personale dipendente delle amministrazioni pubbliche, compreso i dirigenti, con l’esclusione dei magistrati, dei professori universitari e dei dirigenti medici responsabili di una struttura complessa.

Inoltre in base al comma 35-novies dovranno essere individuati precise regole e soprattutto modalità attuative per alcune particolari categorie di lavoratori:

con appositi decreti […] sono definiti gli specifici criteri e le modalità applicative dei principi della disposizione di cui al presente comma relativamente al personale dei comparti sicurezza, difesa ed esteri, tenendo conto delle rispettive peculiarità  ordinamentali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>