Novità esodati 2012

di RobertoR Commenta

La spending review ha apportato qualche importante novità in materia di esodati. Novità che allargano la platea di coloro che riusciranno a divenire beneficiari di una deroga rispetto all’attuale normativa, e che potranno pertanto andare in pensione con perfezionamento dei requisiti in base alla disciplina precedente all’introduzione della riforma Fornero. Vediamo maggiormente nel dettaglio chi sono i profili dei nuovi “graziati” dalla riforma del lavoro voluta dal ministro del welfare.

I nuovi beneficiari della spending review appartengono a cinque categorie principali. La prima è relativa ai lavoratori per i quali le imprese abbiano stipulato, entro il 31 dicembre 2011, accordi con utilizzo di ammortizzatori sociali (mobilità, cassa integrazione guadagni, ecc.) ancorchè alla data del 4 dicembre 2011 gli stessi lavoratori ancora non risultino cessati dall’attività lavorativa, e collocati in mobilità.

La seconda categoria dei nuovi “graziati” fa invece riferimento ai lavoratori che alla data del 4 dicembre 2011 non erano titolari di prestazione straordinaria a carico dei fondi di solidarietà di settore, ma per i quali il diritto all’accesso agli stessi (fondi) era  previsto da accordi stipulati alla stessa data del 4 dicembre 2011.

Rientrano tra i nuovi beneficiari anche i lavoratori autorizzati prima del 4 dicembre 2011 alla prosecuzione volontaria, i lavoratori genitori di figli con grave disabilità in congedo straordinario al 31 ottobre 2011, e i lavoratori il cui rapporto di lavoro si sia risolto entro il 31 dicembre 2011 in ragione di accordi individuali o in applicazione di accordi collettivi di incentivo all’esodo: per tutti costoro, il diritto al pensionamento è tuttavia assoggettato alla verifica del perfezionamento dei requisiti per la pensione, in base alla disciplina ante riforma Fornero, fra il 7 dicembre 2013 e il 7 giugno 2014.

L’impressione è inoltre che le novità per gli esodati siano ben lungi dal terminare. Vi terremo ovviamente informati su tutti gli sviluppi della materia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>