Nuovi aggiornamenti dal Ministero del Lavoro sulle comunicazioni obbligatorie

di Redazione Commenta

Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, attraverso la Direzione Generale per le Politiche dei Servizi per il Lavoro ha emanato la nota n. 16176 del 19 novembre 2012: questa nota ha lo scopo di illustrare, in via esemplificativa, le novità più salienti del nuovo “Modelli e regole” aggiornato alla versione “ottobre 2012” e valevole dal 10 gennaio 2013, così come indicato dal Decreto Direttoriale n. 235/2012.

Riassumendo, le principali novità riguardano i contratti a tempo determinato e il contratto di apprendistato.

In modo particolare, in riferimento al contratto a tempo determinato, il Ministero ricorda che il modulo “Unificato-Lav” deve essere utilizzato anche per comunicare la “prosecuzione di fatto del rapporto di lavoro”, secondo quanto previsto dal Decreto del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali del 10 ottobre 2012. Al contrario, in merito al contratto di apprendistato, ora viene qualificato quale rapporto di lavoro a tempo indeterminato.

Nel sistema “Comunicazioni Obbligatorie”, è stato inserito un campo specifico denominato “Data fine periodo formativo” in cui si deve indicare la data in cui termina il periodo formativo, che in caso di apprendistato stagionale coincide con la data di fine rapporto.

È consentito anche utilizzare il sistema delle rettifiche; in questo caso, e per ragioni di necessità tali da danneggiare il lavoratore o il datore di lavoro, è possibile richiedere ai Centri per l’Impiego di effettuare una rettifica che preveda la modifica di dati essenziali dopo il termine di 5 giorni dalla comunicazione.

In questo caso, ovvero in caso di rettifica d’ufficio, è possibile trattare i casi di rettifica a seguito di verbale di ispezione, rettifica per variazione di agevolazione e rettifica per variazione dei dati del permesso di soggiorno.

Il nuovo sistema coinvolgerà anche i rapporto di somministrazione, assunzioni multiple e agevolazioni. In questo ultimo caso, le differenti tipologie di agevolazioni possono essere inserite direttamente attraverso il canale telematico sfruttando la piattaforma dell’Istituto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>