Come diventare finanziere

di Redazione Commenta

La Guardia di Finanza nasce con la costituzione (nel 1774) della Legione Truppe Leggere grazie al Re di Sardegna Vittorio Amedeo III. Si tratta in Italia del primo esempio di Corpo Speciale istituito per la vigilanza finanziaria sui confini, oltre che per la difesa militare delle frontiere.

Dopo l’unificazione d’Italia, nel 1862, fu istituito il Corpo delle Guardie Doganali.  Tale corpo si occupò di vigilanza doganale e quello eventuale di difesa dello Stato in tempo di guerra. Soltanto nel 1881 il Corpo assunse il nome attuale di Guardia di Finanza e fu dichiarato parte integrante delle forze militari di guerra dello Stato.

La Guardia di Finanza è uno speciale Corpo di Polizia che dipende direttamente dal ministro dell’Economia e delle Finanze. Sono differenti i compiti della Guardia di Finanza. Il finanziere ha il compito di prevenire, denunciare le evasioni e le violazioni finanziarie.

Inoltre, la Guardia di Finanza ha lo scopo di mantenere l’ordine, la sicurezza pubblica e si occupa anche della difesa politicomilitare delle frontiere.

Il decreto legislativo 19 marzo 2001, n. 68 ha previsto:

  • La missione della Guardia di Finanza come Forza di polizia a competenza generale su tutta la materia economica e finanziaria.
  • L’estensione delle facoltà e dei poteri riconosciuti per legge ai militari del Corpo in campo tributario a tutti i settori in cui si esplicano le proiezioni operative della polizia economica e finanziaria.
  • L’affermazione del ruolo esclusivo della Guardia di Finanza quale polizia economica e finanziaria in mare.
  • La legittimazione del Corpo a promuovere e sviluppare iniziative di cooperazione internazionale con gli organi collaterali esteri ai fini del contrasto degli illeciti economici e finanziari.

I militari del Corpo possono avere differenti qualifiche:

  • Ufficiali ed agenti di polizia giudiziaria.
  • Ufficiali ed agenti di polizia tributaria.
  • Agenti di pubblica sicurezza.

La Guardia di Finanza si pone come obiettivi principali:

  • Il contrasto all’evasione fiscale attraverso un’attività di verifica e controllo.
  • Il controllo sulla spesa pubblica, con particolare riferimento agli incentivi alle attività produttive, al settore delle uscite comunitarie e della spesa sanitaria.
  • La lotta alla contraffazione di marchi e alla pirateria audiovisiva, per garantire lo sviluppo economico del Paese.

Per diventare finanziere, è necessario effettuare dei concorsi pubblici. Per avere maggiori informazioni, è possibile consultare il seguente link:

  • www.gdf.it.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>