Liste di mobilità: i vantaggi per le aziende e per i lavoratori

di Redazione Commenta

Le cosiddette liste di mobilità rappresentano un’occasione importante per il lavoratore, ma anche per il datore di lavoro che può richiedere allo Stato alcuni benefici di ordine contributivo e normativo in fatto di legislazione sociale e di lavoro. Il lavoratore, al contrario, può essere ricollocato in un’altra azienda malgrado la sua età o il settore produttivo.

Esistono però alcune richieste specifiche che il datore di lavoro deve essere in grado di dimostrare; in effetti, è necessario, prima di procedere ad un’assunzione attingendo alle liste di mobilità,  essere in regola con gli obblighi contributivi e rispettare la normativa sul lavoro e gli accordi derivati dalla contrattazione collettiva, in tutti i livelli, debitamente sottoscritti così come confermato dall’articolo 1 della legge n. 296/2006.

Il ministero del lavoro ha voluto precisare, circolare n. 34/2008 e 4/2004 con interpello n. 25/I/0007573 del 21 dicembre del 2006, che il datore di lavoro è tenuto a rispettare la parte normativa ed economica degli accordi collettivi ma non la parte obbligatoria, ovvero quella parte che si pone come obiettivo quello di impegnare i singoli contraenti – sindacato e datore di lavoro – ma che è privo di riferimenti normativi o economici.

Per dimostrare questo vincolo il datore di lavoro deve inviare un’autocertificazione alla Direzione Provinciale del Lavoro territorialmente competente.

Il Ministero del Lavoro ha comunque specificato, con circolare n. 34/2008, che l’autocertificazione vale solo come dichiarazione sull’inesistenza di provvedimenti amministrativi o giurisdizionali, ma non può assolutamente riguardare gli aspetti della normativa contrattuale; in effetti, secondo il parere del Ministero, in questo caso deve far fede le dichiarazioni e le osservazioni del personale ispettivo del Ministero.

I lavoratori interessati, iscritti nelle liste di mobilità, possono essere assunti con un contratto agevolato in forma determinata o indeterminata a seconda dell’esigenza dell’impresa.

La legislazione prevede due forme di assunzione a termine: assunzione con rispetto dell’articolo 8 della legge n. 223/1991 o secondo il contenuto dell’articolo 1 del decreto n. 368/2001.

Nel primo caso non è necessario esprimere una motivazione all’assunzione e la durata massima del contratto è di 12 mesi. Nella seconda fattispecie occorre esprimere la motivazione all’assunzione a tempo determinato; in effetti, la legge prevede che l’assunzione può avvenire solo con motivazioni tecniche, organizzative e produttive e la durata del contratto è in relazione alla motivazione addotta ( non può essere superiore ai 12 mesi per usufruire dei benefici).

Tutt’altro discorso per le assunzioni a tempo indeterminato: in questo caso si applicano tutti gli istituti previsti normalmente (inclusi il part-time). In caso di assunzione a tempo indeterminato, il lavoratore viene cancellato dalla lista di mobilità con la perdita della relativa indennità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>