Il Ministero del Lavoro sulla decadenza dal diritto di integrazione salariale

di Redazione Commenta

La Direzione Generale per l’Attività Ispettiva del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ha risposto ad un interpello in merito ad alcuni chiarimenti richiesti sull’applicazione dell’articolo 9 del decreto legislativo n. 124/2004 sulla decadenza dal diritto di integrazione salariale e sull’articolo 8, comma 5, della legge n.160/1988.

La richiesta di interpello è stata avanzata dall’Assaereporti, ossia l’Associazione Italiana Gestori Aeroporti, allo scopo di conoscere il parere del Ministero sulle norme in materia previdenziale, di occupazione giovanile e di mercato del lavoro.

Infatti, l’istante intende sapere che esiste ancora la norma sulla decadenza del lavoratore dal diritto al trattamento di integrazione salariale qualora questo non abbia provveduto a comunicare preventivamente alla sede INPS territorialmente competente lo svolgimento di attività di lavoro autonomo o subordinato durante il periodo di fruizione del trattamento stesso o se questa sia stata superata dalle recenti novità introdotte in materia.Per il Ministero del Lavoro occorre riferirsi al sistema della comunicazione obbligatoria di assunzione, ex art. 4 bis, comma 5, D.Lgs. n. 181/2000.

Per la Direzione Generale per l’attività Ispettiva le norme in vigoreche

le comunicazioni di assunzione, cessazione, trasformazione e proroga dei rapporti di lavoro autonomo, subordinato, associato, dei tirocini e di altre esperienze professionali (…), sono valide ai fini dell’assolvimento degli obblighi di comunicazione nei confronti delle direzioni regionali e provinciali del lavoro, dell’Istituto nazionale della previdenza sociale, dell’Istituto nazionale per l’assicurazione contro gli infortuni sul lavoro, o di altre forme previdenziali sostitutive o esclusive

Il sistema della pluriefficacia della comunicazione permette che non trovi più l’applicazione l’obbligo a carico del lavoratore di comunicare all’Inps lo svolgimento di attività di lavoro autonomo o subordinato durante il periodo di integrazione salariale ex art. 8, comma 4, L. n. 160/1988.

Per questa ragione nulla risulta a carico del lavoratore e nessun obbligo può essere a lui imputato e così il Ministero ha chiuso la vertenza che vede coinvolti, da una parte, gli enti previdenziali e, dall’altra, le organizzazioni dei datori di lavoro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>