Professione insegnante: nuove regole

di Redazione 3

Inutile negarlo: il Ministro Maria Stella Gelmini ha fatto e continua a fare numerose riforme. L’intento è quello di rendere la scuola ed in generale  il nostro sistema scolastico il più competitivo possibile. Ci riuscirà? Noi ce lo auguriamo. Questa premessa per annunciarvi che per diventare insegnanti adesso ci sono nuove regole. Quali le principali novità? Tirocinio per svolgere la professione di insegnante da svolgere direttamente sul campo, inserimento immediato in ruolo dei giovani (questo dovrebbe significare fine del precariato), più tecnologie e maggiore uso della lingua inglese.

Queste le parole del Ministro Maria Stella Gelmini

Oggi iniziamo a progettare un nuovo tassello per il cambiamento del nostro sistema scolastico un tassello fondamentale, perché riguarda la formazione iniziale dei futuri insegnanti. Prevediamo una selezione severa, doverosa per chi avrà in mano il futuro dell’Italia e sostituiamo alle vecchie SSIS un percorso più snello, di un anno, coprogettato da scuole e università, concentrato nel passaggio dal semplice sapere al saper insegnare

A questo link l’articolo completo all’interno del corriere.it

Commenti (3)

  1. a me sembra che il tirocinio fosse obbligatorio già da diverso tempo, quindi non vedo dove sta la novità

    1. Buongiorno Antonio,

      dal corriere.it

      Cambia radicalmente la formazione degli insegnanti. Quattro le grandi novità, presentate dal ministro dell’Istruzione Gelmini: tirocinio teorico-pratico di un anno da svolgere dentro le scuole; il numero di nuovi docenti sarà deciso in base al fabbisogno per non creare precariato; per i giovani sarà possibile l’inserimento immediato in ruolo; più inglese e nuove tecnologie.

      ed ancora:

      Il tirocinio prevede 475 ore a scuola sotto la guida di un insegnante tutor; rispetto alla SSIS (scuola di specializzazione per l’insegnamento secondario), viene evitata la ripetizione degli insegnamenti disciplinari per concentrarsi su tirocinio, laboratori e didattica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>