Pubblico impiego: stop ai comportamenti opportunistici

di Filadelfio Commenta

Proseguirà anche nel 2010 l’azione di Governo, ed in particolare del Ministero della Pubblica Amministrazione e dell’Innovazione, finalizzata non solo al contrasto dell’assenteismo nel settore del pubblico impiego, ma anche ai comportamenti opportunistici nelle Amministrazioni Pubbliche. Il Governo, infatti, a seguito dell’approvazione da parte del Consiglio dei Ministri di un collegato ordinamentale, ha la delega finalizzata a definire una “carta dei doveri”, nella quale saranno messi a punto dei principi finalizzati a: 1) contrastare le “molestie” amministrative; 2) garantire i diritti dei cittadini ed assicurare che le Amministrazioni Pubbliche assolvano ai loro doveri ed alle loro funzioni; 3) tracciare un quadro, organico, dei diritti dei cittadini e dei doveri delle Amministrazioni Pubbliche. Al riguardo, il Ministero della pubblica amministrazione e l’innovazione, in un documento dal titolo “2009, un anno di fatti concreti“, ha tracciato il bilancio di cosa il Ministero ha fatto nel 2009, e cosa è in cantiere per il 2010.

Tra le attività normative che nel 2010 saranno messe a punto c’è proprio la “carta dei doveri” che sarà istituita dal Governo tenendo conto, tra l’altro, dei criteri di trasparenza, disponibilità e cortesia cui ogni Amministrazione pubblica deve e dovrà attenersi. Ma l’azione del Ministero, in linea con quanto ha fatto sinora il Ministro Renato Brunetta, si spingerà anche nel 2010 a combattere nelle Amministrazioni Pubbliche sia l’assenteismo, sia i comportamenti opportunistici. Nell’ambito degli strumenti di monitoraggio e di analisi delle assenze dei dipendenti pubblici, è in cantiere la possibile istituzione di una Commissione sull’assenteismo, così come i dirigenti, a fronte di sanzioni pronte a scattare in caso di mancata vigilanza sulle assenze, saranno decisamente più responsabilizzati proprio in materia di contrasto all’assenteismo.

D’altronde, non senza polemiche, il Ministro Renato Brunetta ha comunque conseguito, rispetto alla situazione pre-vigente, un calo delle assenze nelle Amministrazioni Pubbliche pari a ben il 31,4%; l’obiettivo è quello di confermare, se non migliorare, questi risultati anche nel 2010 sfruttando la digitalizzazione, ad esempio per trasmettere i certificati di malattia, ma anche mettendo a punto una base di dati omogenea dove vengono riportate tutte le assenze per malattia nelle Amministrazioni Pubbliche. Che ne pensate della crociata contro i “fannulloni” del Ministro Brunetta?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>