Dal sindacato documento sulla sicurezza in materia di amianto

di Redazione Commenta

Le tre compagini sindacali – CGIL, CISL e UIL – hanno diffuso un documento unitario per la Conferenza Nazionale Governativa sull’Amianto dove mettono in evidenza i punti comuni e irrinunciabili nell’ottica di una politica seria e duratura in materia di sicurezza nei luoghi di lavoro.

Per le organizzazioni sindacale è il momento per costruire

nel merito le soluzioni necessarie predisponendo gli strumenti, le risorse, il quadro istituzionale, la promozione della partecipazione e della responsabilità di tutti i soggetti in campo, i programmi e le tappe intermedie degli obiettivi finali

Il sindacato ravvisa la necessità di adottare una politica che tuteli la salute e gli obiettivi industriali nell’ottica di un nuovo modello di sviluppo dove si riesca a conciliare le diverse esigenze.

Ma una politica sociale di questo genere ha la necessità di utilizzare risorse e intese istituzionali e parlamentari di sostegno, in grado di garantire la necessità certezza e concretezza di operatività rispetto alle attese diffuse tra gli ex esposti e i cittadini che vivono con timore la loro vicinanza a sorgenti inquinanti di amianto.

Infatti, per il sindacato è il monento focalizzare la ricerca verso terapie efficaci attraverso un sistema nazionale dedito alle attività di ricerca sulla cura delle malattie asbesto correlate a partire dal mesotelioma, con la definizione delle risorse disponibili, della selettività secondo criteri di affidabilità scientifica delle sedi di ricerca coinvolte.
Non solo, occorre anche identificare e coordinare i diversi centri di eccellenza per la cura delle malattie asbesto correlate: questi sono in parte sono già presenti sul territorio, e in parte devono essere realizzati e supportati.

La salute dei luoghi di lavoro passa anche attraverso il potenziamento della sorveglianza sanitaria degli ex esposti professionali e degli esposti ambientali con la promozione di una sorveglianza attiva secondo modalità personalizzate di una procedura che prende in carico la singola persona e verifica secondo protocolli condivisi lo sviluppo dell’assistenza sanitaria.

Il sindacato ritiene che occorre anche revisionare la finalizzazione del Fondo Nazionale Vittime dell’Amianto ripristinandone la natura originale e definirne le attribuzioni esclusive a lenimento del danno delle vittime civili e loro familiari che non hanno nessuna copertura assicurativa in capo alle assicurazioni pubbliche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>