Srl un euro dati 2012

di Redazione Commenta

Secondo quanto affermato dal Consiglio nazionale del notariato e da Infocamere, nel corso della seconda metà dello scorso anno sarebbero state costituite circa 3 mila società a responsabilità limitata semplificate, e 1.221 società a capitale ridotto, per un totale di circa 4,2 mila realtà. Un’opportunità destinata prevalentemente ai giovani imprenditori, e in gran parte sfruttata nel Lazio (631), Campania (598), Lombardia (506) e Sicilia (347).

Sempre stando ai dati elaborati dal Consiglio nazionale del notariato, le srl a un euro sarebbero state aperte soprattutto nelle grandi città italiane e in Campania. In maniera più dettagliata, il numero più elevato di srl economiche sarebbe stato avviato a Roma (nel complesso 466); a seguire c’è Napoli (253), poi Milano (213), Salerno (128) e Caserta (125); a livello regionale, invece, le cifre indicano come in Campania siano state create più srl semplificate (483), davanti al Lazio (462), alla Lombardia (343) e alla Sicilia (273), mentre per quelle a capitale ridotto il podio spetta al Lazio (169), sul secondo gradino c’è la Lombardia (163), e di seguito l’Emilia- Romagna (119) e ancora la Campania (115).

Dai dati di cui sopra, sembra pertanto che a sfruttare questa interessante occasione societaria siano stati soprattutto i giovani del Centro Sud, maggiormente alle prese con gli effetti di questa lunghissima ondata di crisi.

I nuovi modelli di srl sono strumenti societari utili per avviare un‘attività imprenditoriale senza particolari pesi fissi, visto e considerato che la costituzione della società sarà contraddistinta dall’esenzione dei diritti di bollo e di segreteria e, sebbene l’atto costitutivo vada depositato dal notaio, non occorre corrispondere alcun onorario.

Vedremo, nel corso del 2013, quale sarà l’evoluzione intrapresa dalle srl semplificate. L’impressione è, comunque, che la tendenza positiva già intrapresa durante il recente 2012 possa subire un naturale prolungamento anche nell’anno in fase di sviluppo.

Nel corso delle prossime settimane, torneremo ancora sull’argomento attraverso nuovi approfondimenti sull’evoluzione di queste società a responsabilità semplificata. Continuate a seguirci per non perdere nemmeno un aggiornamento!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>