Come dare una svolta alla tua vita professionale con un corso consulente d’immagine

di Redazione Commenta

L’ultimo anno e mezzo ha messo alla prova la vita privata e professionale di molte persone che, in maniera più o meno diretta, si sono trovate a doversi reinventare e, talvolta, inserire nuovamente nel mercato del lavoro.

È stato un periodo anche di grande riflessione per tutti coloro che erano in parte insoddisfatti delle proprie scelte e che hanno quindi l’occasione di intraprendere un nuovo percorso professionale per accedere ad un mestiere che li appaghi e soddisfi appieno.

 

La consulenza d’immagine oggi

In un contesto così fluido e in continuo divenire come quello stiamo vivendo la consulenza d’immagine ha mostrato tutta la sua forza e le potenzialità che, per alcuni, erano rimaste nascoste prima del lockdown. Gli esperti dell’immagine sono infatti molto ricercati nel mercato del lavoro in quanto offrono un servizio che si adatta perfettamente ai tempi che corrono.

Da una parte, infatti, le persone hanno capito quanto sia importante saper fare una buona prima impressione – sia in presenza, sia soprattutto da remoto – e che sia fondamentale rivolgersi a dei professionisti per poter raggiungere questo obiettivo. Il consulente d’immagine, in questo senso, non si occupa solo di analisi armocromatica (per quanto sia una componente importante della professione), ma anche di costruire un’immagine coerente e che valorizzi le proprie potenzialità.

Dall’altra l’interesse verso i servizi offerti dai consulenti d’immagine sta riscuotendo un grande successo non solo tra i privati, ma anche e soprattutto nelle aziende e in ambito business. Imprenditori, manager e dirigenti hanno riscoperto l’importanza di promuovere la propria immagine per supportare le vendite del proprio brand e quanto una figura curata e coerente possa essere vantaggiosa.

 

Come diventare consulente d’immagine

Se si desidera diventare consulente d’immagine è opportuno tenere presente che è necessario intraprendere un percorso di formazione, come per qualsiasi altra attività lavorativa. Bisogna quindi, prima di tutto, scegliere un corso consulente d’immagine che permetta di acquisire (o perfezionare) le proprie conoscenze teoriche e pratiche in questo ambito.

I percorsi di alta formazione in questo ambito sono caratterizzati da una forte multidisciplinarietà: tra le tematiche che vengono trattate in un corso per consulente d’immagine ci sono, oltre dell’armocromia e all’analisi morfologica, anche lo stile, il power dressing e il dress code. Inoltre è opportuno ricordare che un percorso professionalizzante permette di acquisire gli strumenti teorici e pratici per potersi rivolgere a clienti donne e uomini: a differenza di quanto si possa pensare, infatti, i servizi offerti dai consulenti d’immagine vengono apprezzati non solo dalla clientela femminile, ma anche e soprattutto da quella maschile che necessita di un supporto qualificato per creare uno stile coerente ed un’immagine efficace.

 

Scegli il tuo corso consulente d’immagine all’Accademia Consulenza d’Immagine

Se vuoi diventare un image consultant o lavorare nel mondo dell’immagine puoi scegliere un corso consulente d’immagine tra quelli proposti dall’Accademia Consulenza d’Immagine. Grazie alla professionalità del corpo docenti e all’offerta formativa articolata in Professional Training e Expertise Training, oltre ai singoli moduli didattici tematici, è possibile acquisire gli strumenti necessari per avviare la propria attività.

Oltre alla formazione teorica erogata in live streaming quando non è possibile seguire i corsi in presenza, l’Accademia Consulenza d’Immagine include nell’offerta formativa anche delle ore di follow up pratico durante le quali i corsisti possono chiarire i propri dubbi e mettere in pratica le conoscenze teoriche acquisite.

Il 9 aprile 2022 comincerà il corso Expertise Training: iscrizioni aperte!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>