Manager italiani più soddisfatti del privato che del professionale

di Redazione Commenta

I manager italiani, nonostante le difficoltà, sono soddisfatte della propria vita professionale. A sorprendere ancor di più è, tuttavia, l’evidenza che la vita privata possa soddisfare ancora di più della vita professionale stessa, con risultati che vanno così a smentire l’immagine dell’uomo – top manager sempre e solo concentrato sulla propria carriera.

L’indagine condotta da Doxametrics per Manager Italia (su un campione di oltre 1.000 dirigenti in attività) segnala infatti che circa il 62% dei manager avrebbe affermato di essere felice del proprio lavoro, mentre l’83% (21 punti percentuali in più della prima risposta) avrebbe invece affermato di essere complessivamente soddisfatto anche della propria vita privata.

Ma non solo. Tra le percentuali più significative vi è un 37% che esprime una forte incertezza sul futuro a breve termine, dichiarando che nei prossimi tre anni non sa se sarà più o meno felice. Il 14% crede invece che lo sarà di meno, mentre il 27% afferma che lo sarà come oggi, e il 19% che sarà addirittura più soddisfatto di quanto non lo sia nell’attuale anno.

USARE I SOCIAL NETWORK NEL POSTO DI LAVORO

A influenzare negativamente l’ottimismo futuro è, comunque, la consolidata crisi che si aggira in Europa. Solamente il 25% dei manager intervistati afferma infatti che nel corso dei prossimi tre anni avrà un miglioramento professionale, mentre il 15% prevede di ottenere migliori opportunità occupazionali. Il 13% pensa invece che avrà una maggiora sicurezza economica, mentre solamente un dirigente su dieci pensa che il proprio tenore di vita subirà un miglioramento.

PREMIO TOP ASSISTANT OF THE YEAR

Infine, il 73% degli uomini e il 76% delle donne dirigenti crede che il proprio futuro professionale sia incerto e non dipenda solo dalle capacità e dalle competenze degli stessi manager. Le stesse percentuali rivelano altresì di essere convinte di avere le capacità sufficienti per guidare aziende e persone in questo scenario di difficoltà.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>