Facebook sfida Linkedin e lancia Jobs

di Emma Commenta

Facebook si prepara a sfidare ufficialmente Linkedin e apre al mondo del lavoro. Il social network di proprietà di Mark Zuckerberg apre alle aziende offrendo loro la possibilità di poter inserire le loro offerte di lavoro.

Le aziende potranno inserire sui loro profili anche le offerte di lavoro creando un’alternativa a Linkedin, specialista nel settore. 

Per il momento il servizio, che si chiama Jobs, sarà disponibile solo negli Stati Uniti e in Canada, ma presto la novità sarà introdotta anche altrove.

Dopo aver valutato l’offerta di lavoro, gli aspiranti candidati potranno cliccare direttamente sull’annuncio e a quel punto si aprirà una finestra in parte compilata con le informazioni su impieghi e formazione che l’utente ha inserito sul social. I dati potranno essere successivamente modificati prima di poter ufficialmente inviare la propria candidatura. Gli  amministratori di Pagine d’altra parte possono inserire un’offerta di lavoro, controllare le posizioni aperte, comunicare con i candidati ed eventualmente potranno mettersi direttamente in contatto con i candidati attraverso le chat di Messenger.

 

Considerando che gli iscritti a Facebook contano oltre 2 miliardi, l’attività potrebbe profilarsi interessante. E in questo modo la società di Zuckerberg sembra essere sempre più intenzionata a fare concorrenza a Linkedin: pochi mesi fa ha lanciato Workplace, una piattaforma dedicata alle aziende e la nuova funzione introdotta in via sperimentale oltreoceano potrebbe imporsi velocemente sul mercato. D’altra parte il servizio Jobs è pensato contemporaneamente per le aziende, per aiutarle a trovare personale, ma anche per dipendenti che possono essere aiutati nella ricerca di lavoro. E sembra che Jobs stia già offrendo i primi risultati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>