La Germania approva la legge sul salario minimo

di Redazione Commenta

Arrivano buone notizie dalla Germania per tutti coloro che aspirano a trasferirsi all’estero in cerca di lavoro, in particolare in questa nazione. Solo pochi giorni fa, infatti, il Bundestag tedesco ha finalmente approvato, dopo mesi – o meglio anni – di trattative, la legge che sancisce l’introduzione di un salario minimo per tutti i lavoratori del paese. 

Lavorare all’estero nei paesi con il più alto salario minimo garantito

Si tratta in verità di una riforma che ha rivisto l’importo orario di quest’ultimo, il quale, dopo 10 anni di trattative, è stato portato a 8,50 euro l’ora. Questo significa che d’ora in avanti un qualsiasi lavoratore assunto regolarmente in Germania percepirà uno stipendio che arrivi almeno ad una tariffa di 8,5 euro orarie.

Lavorare in Svizzera dopo il no al referendum sul salario minimo

La misura è da subito stata considerata un traguardo storico per la Germania, paese in genere molto solido dal punto di vista economico e lavorativo. Ma questa piccola modifica nelle retribuzioni potrà dare ulteriori benefici, facendo ulteriormente crescere la domanda interna.

L’iter di approvazione della norma non è stato certo semplice e privo di contrasti, che hanno visto opporsi le imprese, i rappresentanti delle lobby e le stesse forze politiche e sociali, le quali hanno operato per l’estensione del provvedimento a tutte le categorie sociali.

Alla fine la norma è stata approvata con soli 5 voti contrari e sarà operativa a partire dal 1 gennaio 2015, coinvolgendo circa 3,7 milioni di persone. Ci saranno però come in passato alcune eccezioni, ovvero esclusioni dal beneficio. Il salario minimo non verrà infatti applicato:

  • ai disoccupati di lunga data
  • ai minori di 18 anni
  • agli apprendisti
  • ai lavoratori stagionali
  • ai tirocini obbligatori
  • a coloro che distribuiscono giornali.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>