Il lavoro che c’è: 1,2 milioni di posti con la vendemmia

di Redazione 1

E’ partita in Italia la vendemmia 2011, in grado di offrire opportunità di lavoro a ben 1,2 milioni di persone tra vigne, cantine e indotto legato alla distribuzione commerciale. A metterlo in risalto è la Coldiretti nel sottolineare come per l’anno corrente il settore del vino italiano farà registrare un record di fatturato pari a ben 8 miliardi di euro, di cui il 50% circa legato alle esportazioni. Questo grazie alla crescita dei due mercati di sbocco del made in Italy, rappresentati per il settore vitivinicolo dai Paesi dell’Unione Europea ed ancor di più dagli Stati Uniti.

Secondo l’Organizzazione degli agricoltori il settore vitivinicolo anche per il 2011 ha tutte le carte in regola per confermare il suo primato mondiale di produzione. Lo scorso anno, infatti, con 49,6 milioni di ettolitri prodotti, l’Italia ha battuto la Francia, che si è fermata ad una produzione di 46,2 milioni di ettolitri. In merito alle opportunità di lavoro in agricoltura, proprio la Coldiretti nei giorni scorsi aveva messo in risalto come ci siano opportunità di occupazione stagionale per ben 200 mila giovani attraverso lo strumento dei voucher, che remunerano nella piena legalità il lavoro occasionale accessorio. In questo modo il giovane può fare le prime esperienze di lavoro, ma può anche guadagnare per pagarsi la vacanza e/o le tasse universitarie per il prossimo anno scolastico.

Per ogni voucher da 10 euro lordi, 7,5 euro netti vanno al giovane lavoratore impegnato in campagna per la vendemmia, ma anche per la raccolta di frutta e verdura; i rimanenti 2,5 euro coprono il costo del servizio, l’assicurazione Inail ed i contributi previdenziali all’Istituto Nazionale per la Previdenza Sociale (Inps). I voucher, detti anche buoni lavoro, vengono acquistati dal datore di lavoro in formato cartaceo presso l’Inps oppure anche online; i lavoratore occasionale e/o stagionale può poi incassarli presso gli uffici del Gruppo Poste Italiane ed anche presso le tabaccherie abilitate.

Commenti (1)

  1. peccato che se non hai esperienza nello stesso settore e nella medesima mansione, neanche ti cag.!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>