Pavia: 1 posto per Conservatore Artistico Civici Musei

di Redazione Commenta

Con questo post, ci spostiamo a Pavia.

L’interessante concorso di cui voglio parlarvi è per gli amanti dei musei, dell’arte e dell’ antichità, con una forte curiosità ad apprendere. Avete tempo fino al 29 dicembre per presentare la domanda …

Fossi in voi, coglierei al volo questa opportunità.

Dopo il salto, potete leggere il bando integrale compreso di fac simile domanda.

In bocca al lupo!

P.G. n. 26620/08

COMUNE di PAVIA

CONCORSO PUBBLICO, PER ESAMI, A UN POSTO DI CONSERVATORE ARTISTICO CIVICI MUSEI (Cat. D3) a tempo indeterminato e a tempo pieno

IL DIRIGENTE RESPONSABILE

in esecuzione della:

deliberazione di Giunta Comunale n. 106 del 9/5/2007 avente per oggetto: “Fabbisogno di personale per il triennio 2007 – 2009. Programmazione per l’anno 2007.”;

deliberazione di Giunta Comunale n. 169 del 20/07/2007 avente per oggetto: “Modifica della dotazione organica definita ai sensi dell’art. 34, comma 1, della Legge 27/12/2002 n. 289, 2^ variazione anno 2007”;

deliberazione di Giunta Comunale n. 199 del 10/08/2007 avente per oggetto: “Fabbisogno di personale per il triennio 2007 – 2009. Programmazione per l’anno 2007.” 1^ variazione.”;

deliberazione di Giunta Comunale n. 223 del 19/10/2007 avente per oggetto: “Modifica della dotazione organica definita ai sensi dell’art. 34, comma 1, della Legge 27/12/2002 n. 289, 3^ variazione anno 2007”;

deliberazione di Giunta Comunale n. 101 dell’11/04/2008 avente per oggetto: “Programmazione del fabbisogno di personale per il triennio 2008 – 2010”;

determinazione dirigenziale registrata al n. 1841/Racc.Gen. del 10/11/2008;

Visti il Regolamento Organico del personale ed il Regolamento per il reclutamento del personale comunale nonchè i D.P.R. 9/5/1994 n. 487, 30/10/1996 n. 693 e 28/12/2000 n. 445, viste le Leggi 24/12/1993 n. 537 e 15/5/1997 n. 127 e visti i D.Lgs. 18/8/2000 n. 267, 30/3/2001 n. 165, 30/06/2003 n. 196, 11/04/2006 n. 198.

Visti i C.C.N.L. Comparto Regioni – Enti Locali vigenti;
Tenuto conto che la procedura relativa al presente concorso sarà espletata nell’osservanza delle disposizioni in materia di mobilità (art. 30 del D.Lgs. n. 165/01) e di ricollocazione di personale in disponibilità (art. 33, 34 e 34bis del D.Lgs. n. 165/01).

R E N D E N O T O

che è indetto concorso pubblico, per esami, per la copertura di un posto di Conservatore Artistico Civici Musei (Cat. D3).
Ai sensi del D.Lgs. n. 215/01 art. 18, comma 6 e 7, con il presente concorso si determina una frazione di riserva per i volontari delle FF.AA.. che si sommerà con altre frazioni già verificatesi o che si verificheranno nei prossimi provvedimenti di assunzione. Le figure militari attualmente destinatarie della riserva di posti sono i V.F.B. (D.Lgs. n. 196/95) i V.F.P. 4 (Legge n. 226/04) e gli Ufficiali in rafferma biennale o prefissata (D.Lgs. n. 236/03).

Il Conservatore Artistico Civici Musei è figura professionale con competenze tecnico scientifiche specialistiche adeguate alla tipologia delle collezioni affidate, delle quali cura la conservazione e la gestione (inventariazione, catalogazione, piani di manutenzione, conservazione e restauro, ricerca), nonché la loro valorizzazione (allestimento, studio e divulgazione scientifica, progetti di sviluppo ed indagini territoriali).

Nell’ambito degli indirizzi programmatici, organizzativi e tecnici definiti dal Direttore del Museo, il conservatore:
• collabora con il direttore alla definizione dell’identità e degli obiettivi dell’istituto;
• è referente scientifico, all’interno del museo e verso l’esterno, delle collezioni a lui affidate;
• è responsabile della conservazione dei beni affidatigli;
• cura l’inventariazione e la catalogazione delle collezioni e ne garantisce la pubblica fruizione;
• propone programmi per l’incremento delle collezioni, predispone piani di manutenzione ordinaria e di restauro; collabora all’allestimento delle raccolte; dirige le attività connesse alle sue competenze, relazionandosi con personale tecnico anche in materia di sicurezza;
• collabora alle attività culturali, di didattica e di divulgazione scientifica; valorizza le collezioni individuando gli strumenti di comunicazione idonei;
• su richiesta del Direttore progetta e coordina attività relative alle esposizioni temporanee e di editoria del museo;
• mantiene contatti con istituzioni analoghe e organismi scientifici;
• cura il proprio costante aggiornamento nelle materie di propria competenza;
• partecipa agli organi collegiali eventualmente preposti all’attività scientifico-culturale del museo;
• collabora alla progettazione e gestione delle iniziative sulla creatività giovanile e alla programmazione delle attività espositive dello “Spazio per le arti contemporanee del Broletto”.

1 – TRATTAMENTO ECONOMICO

Al posto di Conservatore Artistico Civici Musei competono i seguenti emolumenti:

– stipendio iniziale annuo lordo di Euro 23.492,14= a termini del vigente C.C.N.L. Comparto Regioni – Enti Locali per il biennio economico 2006 – 2007 siglato l’11/4/2008;
– indennità di comparto pari a Euro 622,80=;
– assegno per il nucleo familiare se dovuto;
– tredicesima mensilità nella misura di legge;

Tutti gli emolumenti sopra indicati sono soggetti alle trattenute erariali, previdenziali ed assistenziali a norma di legge.

Il nominato avrà diritto all’assistenza sanitaria prevista dalle vigenti disposizioni legislative nazionali e regionali.

Per quanto riguarda il trattamento di quiescenza, il nominato sarà iscritto all’I.N.P.D.A.P. – gestione autonoma ex C.P.D.E.L., con diritto al T.F.R.E.L. corrisposto direttamente dall’I.N.P.D.A.P. – Sede Provinciale di Pavia secondo le disposizioni contenute nel DPCM 20/12/1999 di cui alla circolare n. 29 dell’8/6/2000 e n. 11 del 12/3/2001.

2 – REQUISITI PER L’AMMISSIONE

Per l’ammissione al Concorso sono richiesti i seguenti requisiti:
A) essere in possesso di uno dei seguenti titoli di studio:
1. Laurea in Lettere quadriennale (vecchio ordinamento) o equipollente;
2. Laurea in Lettere specialistica/magistrale (nuovo ordinamento) o equipollente;

B) master in discipline storico-artistiche o diploma di specializzazione in Storia dell’Arte o abilitazione all’insegnamento di Storia dell’Arte;

C) esperienza di lavoro documentata, di almeno sei mesi, presso musei pubblici, o privati riconosciuti;

D) avere compiuto il 18° anno di età;

E) avere la cittadinanza italiana. Tale requisito non è richiesto per i soggetti appartenenti all’Unione Europea, fatte salve le eccezioni di cui al D.P.C.M. 7/2/1994 n. 174, pubblicato sulla G.U. del 15/2/1994, serie generale n. 61.

Per i cittadini degli Stati Membri dell’Unione Europea è richiesto, altresì, il godimento dei diritti politici dello Stato di appartenenza o provenienza e adeguata conoscenza della lingua italiana (D.P.C.M. 7/2/1994 n. 174), da accertare in sede di svolgimento della prova orale;

F) essere iscritti nelle liste elettorali ovvero i motivi della non iscrizione o della cancellazione dalle liste medesime;

G) avere il godimento dei diritti civili e politici;

D) possedere l’idoneità psico-fisica all’impiego e alle mansioni del profilo messo a Concorso. L’Amministrazione sottoporrà a visita medica preventiva il vincitore in ottemperanza alle normative vigenti. Il giudizio medico positivo è indispensabile ai fini dell’assunzione. La condizione di privo della vista è causa di inidoneità, ai sensi dell’art. 1 Legge 28/3/1991 n. 120, data la particolare natura dei compiti che la posizione di lavoro implica;

H) essere in posizione regolare nei confronti degli obblighi di leva (solo per i candidati italiani di sesso maschile soggetti a tale obbligo);

I) non aver riportato condanne penali che impediscano, ai sensi delle vigenti disposizioni di legge e/o del vigente C.C.N.L., la costituzione del rapporto d’impiego con Pubbliche Amministrazioni, salvo sia stato estinto il reato, per il quale il concorrente è stato condannato, ovvero sia stata conseguita la riabilitazione, ai sensi dell’art. 178 del C.P., alla data di scadenza del termine per la presentazione delle domande di ammissione alla procedura concorsuale;

J) non essere stato destituito o dispensato o licenziato dall’impiego presso una Pubblica Amministrazione per persistente insufficiente rendimento, ovvero non essere stato dichiarato decaduto da un impiego statale, ai sensi dell’art. 127, 1° comma, lettera d), del T.U., approvato con D.P.R. 10/1/57 n. 3, così come modificato dall’art. 2, comma 3, del D.P.R. 30/10/1996 n. 693.

I requisiti suddetti devono essere posseduti alla scadenza del termine stabilito nel presente bando per la presentazione della domanda di ammissione.
I candidati potranno essere ammessi alla procedura selettiva con riserva.
L’Amministrazione si riserva inoltre di escludere il candidato per difetto dei prescritti requisiti, in ogni momento e con motivato provvedimento.

3 – PREFERENZE

A parità di punteggio trova applicazione quanto previsto dall’art. 5 del D.P.R. 9/5/1994 n. 487 e s.m.i.

4 – DOMANDA DI AMMISSIONE AL CONCORSO

La domanda di ammissione al Concorso, sottoscritta dal concorrente a pena di esclusione e redatta in carta semplice, con caratteri chiari e leggibili, secondo lo schema riportato in calce, dovrà essere indirizzata al Servizio Organizzazione e Sviluppo Risorse Umane – Piazza Municipio n. 2 – 27100 PAVIA e presentata direttamente a mano al Protocollo Generale del Comune o inviata a mezzo raccomandata con avviso di ricevimento entro i termini previsti dal presente bando.

Sul retro della busta, se spedita tramite posta, il concorrente deve apporre il proprio cognome e nome ed indirizzo e l’indicazione dell’oggetto del Concorso cui partecipa. Nella domanda ogni aspirante deve dichiarare, sotto la propria responsabilità, consapevole delle responsabilità penali per le ipotesi di dichiarazioni mendaci previste dall’art. 76 del Testo Unico di cui al D.P.R. 28/12/2000 n. 445 (l’Amministrazione, ai sensi dell’art. 71 del DPR n. 445/2000 è tenuta ad effettuare idonei controlli, anche a campione, e in tutti i casi in cui sorgono fondati dubbi, sulla veridicità delle dichiarazioni sostitutive di cui agli artt. 46 e 47), quanto segue:

1) il cognome ed il nome;
2) l’indicazione del Concorso a cui intende partecipare;
3) la data ed il luogo di nascita;
4) la residenza anagrafica;
5) il Codice Fiscale;
6) lo stato civile;
7) il numero dei figli a carico (la dichiarazione va fatta anche in caso negativo);
8) il possesso della cittadinanza italiana ovvero di essere cittadino di uno Stato dell’Unione Europea ed in quanto tale di godere dei diritti civili e politici nello stato di appartenenza o provenienza e di avere adeguata conoscenza della lingua italiana;
9) il Comune di iscrizione nelle liste elettorali ovvero i motivi della non iscrizione o della cancellazione dalle liste medesime;
10) il possesso del godimento dei diritti civili e politici;
11) l’idoneità fisica all’impiego e alle mansioni del profilo messo a Concorso;
12) per gli aspiranti di sesso maschile la dichiarazione che comprovi la posizione regolare nei confronti degli obblighi di leva;
13) le eventuali condanne penali riportate, precisando altresì se vi siano procedimenti penali in corso a suo carico (la dichiarazione va fatta anche in caso negativo);
14) di non essere stato destituito o dispensato o licenziato dall’impiego presso una Pubblica Amministrazione;
15) il possesso eventuale di requisiti che danno diritto alla preferenza nella graduatoria di merito (vedi punto 3) (la dichiarazione va fatta anche in caso negativo);
16) il possesso di uno dei titoli di studio previsti all’art. 2 punto A) del presente bando con l’indicazione dell’Università che ebbe a rilasciarlo e della data di conseguimento;
17) il possesso del master in discipline storico-artistiche o del diploma di specializzazione in Storia dell’Arte o dell’abilitazione all’insegnamento di Storia dell’Arte;
18) il possesso di un’esperienza di lavoro documentata, di almeno sei mesi, presso musei pubblici, o privati riconosciuti;
19) la lingua prescelta tra inglese e francese per integrare la prova orale;
20) la dichiarazione di conformità agli originali dei documenti eventualmente allegati ai sensi del D.P.R. 445/2000;
21) la dichiarazione di essere consapevole delle sanzioni penali previste dal D.P.R. 445/2000 in caso di dichiarazioni mendaci;
22) il consenso al trattamento dei dati personali;
23) l’accettazione in modo incondizionato di tutte le norme previste dal bando;
24) l’autorizzazione alla pubblicazione del proprio nominativo sul sito internet del Comune di Pavia per comunicazioni inerenti il presente concorso;
25) il candidato portatore di handicap nella stessa domanda di partecipazione dovrà specificare, in relazione al proprio handicap, debitamente documentato da apposita struttura sanitaria, l’ausilio necessario per l’espletamento delle prove di concorso, nonché l’eventuale necessità di tempi aggiuntivi per sostenere le prove stesse.
26) il recapito al quale si chiede che sia trasmessa, ad ogni effetto, qualsiasi comunicazione relativa alla procedura concorsuale. Dovranno essere comunicate, a cura del concorrente, le successive variazioni.

L’Amministrazione non assume responsabilità per la dispersione di comunicazioni dipendente da inesatte indicazioni del recapito da parte del concorrente oppure da mancata o tardiva comunicazione del cambiamento dell’indirizzo indicato nella domanda, né per eventuali disguidi postali o telegrafici o comunque imputabili a fatto di terzi, a caso fortuito o forza maggiore.

5 – DOCUMENTI DA ALLEGARE ALLA DOMANDA

Alla domanda dovranno essere obbligatoriamente allegati:
a) la ricevuta di versamento, in originale, sul c/c postale n. 17151275 della tassa di concorso dell’importo di Euro 10,33= intestato a Comune di Pavia – Piazza Municipio n. 2 – 27100 Pavia, indicando specificatamente, nello spazio riservato alla causale, il tipo di concorso cui si intende partecipare. Il pagamento non effettuato o effettuato dopo la scadenza del bando comporta l’esclusione dal Concorso.

LA TASSA SUDDETTA NON È RIMBORSABILE;

b) la fotocopia del documento di identità in corso di validità;

c) il curriculum vitae redatto su carta semplice, datato e sottoscritto. Tale documento è prodotto esclusivamente a fini conoscitivi e non costituisce, in alcun caso, oggetto di valutazione da parte della Commissione Giudicatrice.

d) l’elenco, in carta semplice, dei documenti sopra indicati e di quelli eventualmente allegati, datato e firmato dal concorrente. Se la domanda è consegnata a mano, l’elenco dovrà essere prodotto in duplice copia. Una di esse sarà restituita al concorrente, munita del timbro e della data di ricezione.

6 – SCADENZA PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA

La domanda di ammissione al concorso e la documentazione ad essa allegata, deve essere fatta pervenire al Comune di Pavia entro e non oltre le ore 12.00 di LUNEDI’ 29 DICEMBRE 2008 pena l’esclusione.
Nel caso in cui gli Uffici Comunali siano chiusi per sciopero, per calamità o altri gravi motivi, nel giorno di scadenza, il termine stesso sarà automaticamente prorogato al primo giorno successivo di riapertura degli Uffici.

Si considerano prodotte in tempo utile anche le domande spedite per raccomandata postale con avviso di ricevimento, entro il termine fissato nel presente bando (a tale fine farà fede il timbro a data dell’ufficio postale accettante). Non verranno comunque ammessi i concorrenti le cui domande, ancorché spedite in tempo utile per raccomandata postale, pervengano all’Amministrazione trascorsi oltre otto giorni dalla scadenza del bando.
La data di presentazione o di arrivo della domanda risulta dal bollo a data apposto su di essa dall’Ufficio Protocollo del Comune di Pavia.
Il ritiro anticipato della domanda o della documentazione comporta la rinuncia al concorso.

7 – REGOLARIZZAZIONE DELLA DOMANDA E DELLA DOCUMENTAZIONE

La Commissione Giudicatrice, con formale invito sottoscritto dal Presidente, ammetterà la regolarizzazione delle domande che presentassero delle imperfezioni formali o delle omissioni non sostanziali.
La mancata sottoscrizione della domanda e/o l’omissione o l’incompletezza delle dichiarazioni relative alle generalità personali determinano l’esclusione dal concorso.
La regolarizzazione formale non è necessaria quando il possesso del requisito non dichiarato può implicitamente ritenersi posseduto per deduzione da altra dichiarazione o dalla documentazione presentata.
Il mancato perfezionamento in tutto o in parte degli atti richiesti e l’inosservanza del termine perentorio accordato per l’invio degli stessi, comportano l’esclusione dal concorso.

8 – COMMISSIONE GIUDICATRICE

La Commissione Giudicatrice preposta al concorso verrà nominata ai sensi di quanto disposto dalla deliberazione di G.C. n. 124 del 25/5/2007.
Al termine dei lavori, i verbali della Commissione Giudicatrice verranno depositati per otto giorni consecutivi presso il Servizio Organizzazione e Sviluppo Risorse Umane a disposizione dei candidati che volessero prenderne visione, prima che l’Amministrazione adotti i provvedimenti di approvazione della graduatoria e di nomina del vincitore.

9 – CRITERI PER LA VALUTAZIONE DELLE PROVE D’ESAME

L’esame viene articolato in tre prove di cui due scritte e una orale. Per ciascuna prova il punteggio massimo è stabilito in 30 punti ed il punteggio minimo da conseguire per il superamento di ciascuna di esse è di 21 punti.
Verranno ammessi a sostenere la prova orale i candidati che avranno ottenuto in ciascuna prova scritta una votazione di almeno 21/30.
Il punteggio finale utile per la collocazione in graduatoria è dato dalla sommatoria della media dei voti conseguiti rispettivamente nelle prove scritte e dal voto conseguito nella prova orale.

10 – PROVE D’ESAME

L’esame si articolerà in:
PROVA SCRITTA
Predisposizione di un progetto di interesse museale e dei relativi procedimenti attuativi;

PROVA PRATICA
Catalogazione di una terna di opere d’arte pertinenti al patrimonio dei Musei pavesi;

PROVA ORALE
Vertente sui seguenti argomenti: storia dell’arte, legislazione dei beni culturali (con particolare riguardo alla normativa della Regione Lombardia riguardante i Musei), storia dei musei civici pavesi e delle collezioni, ordinamento degli Enti locali.
La prova orale sarà integrata con l’accertamento della conoscenza dell’uso delle apparecchiature e delle applicazioni informatiche più diffuse e di una lingua straniera scelta tra inglese o francese.

Il calendario delle prove d’esame e la sede in cui si svolgeranno dette prove saranno comunicati direttamente ai concorrenti ammessi a mezzo lettera raccomandata A.R. almeno venti giorni prima della data fissata. Con lo stesso termine e modalità verrà data notizia dell’esclusione ai candidati non ammessi.

I risultati delle prove saranno pubblicati sul sito Internet del Comune di Pavia (www.comune.pv.it). Tale comunicazione ha valore di notifica a tutti gli effetti pertanto non verrà inviata alcuna comunicazione scritta ai concorrenti.
La mancata partecipazione ad una sola delle prove di cui sopra, sarà considerata come rinuncia al concorso, anche se fosse dipendente da causa di forza maggiore. Anche il ritardo del candidato ad una sola delle prove, qualunque ne sia la causa, comporterà l’esclusione dal concorso.
Per essere ammessi a sostenere le prove d’esame, i concorrenti dovranno esibire un documento di riconoscimento, munito di fotografia, legalmente valido.

La consultazione di testi di legge non commentati dovrà essere autorizzata dalla Commissione Giudicatrice.
Al termine di ogni seduta dedicata alla prova orale la Commissione Giudicatrice forma l’elenco dei candidati esaminati, con l’indicazione del voto da ciascuno riportato, che sarà affisso all’Albo Pretorio e alla bacheca del Servizio Personale e pubblicato sul sito internet del Comune.

11 – GRADUATORIA

Espletate tutte le operazioni del concorso, la Commissione conclude i propri lavori procedendo a riepilogare il punteggio assegnato a ciascun concorrente nelle prove d’esame e a formare la relativa graduatoria con l’indicazione del punteggio complessivo conseguito da ogni candidato che abbia ottenuto il punteggio minimo previsto dal presente bando, in tutte le prove d’esame.
La Commissione Giudicatrice nel formare la graduatoria degli idonei in ordine di merito dovrà osservare le preferenze stabilite dalle vigenti disposizioni legislative e regolamentari.

La graduatoria del concorso, approvata con determinazione dirigenziale del Dirigente Responsabile del Servizio Organizzazione e Sviluppo Risorse Umane, rimarrà efficace per un termine di tre anni dalla data di pubblicazione per l’eventuale copertura dei posti di pari categoria e profilo professionale che si venissero a rendere successivamente vacanti e disponibili, fatta eccezione per i posti istituiti o trasformati successivamente all’indizione del concorso stesso.
Non si darà luogo a dichiarazione di idoneità al concorso (art. 3, comma 22, Legge 537/93).
La graduatoria potrà essere utilizzata per eventuali assunzioni a tempo determinato sia a tempo pieno sia a tempo parziale previste dall’art. 16, comma 5, del C.C.N.L. 94/97. La mancata accettazione della proposta a tempo determinato è ininfluente ai fini dell’utilizzo della graduatoria per assunzioni a tempo indeterminato.

Il Comune di Pavia garantisce parità e pari opportunità tra uomini e donne per l’accesso al lavoro ed il trattamento sul lavoro, ai sensi del D.Lgs. 198/06, come anche previsto dall’art. 57 del D.Lgs. 30/3/2001 n. 165.
I candidati hanno facoltà di esercitare il diritto di accesso agli atti del procedimento concorsuale ai sensi della Legge 7.8.90. n. 241, modificata ed integrata dalla Legge 12.02.05, n. 15, nonché del relativo regolamento ove non in contrasto con la stessa.

La partecipazione al concorso comporta l’esplicita e incondizionata accettazione delle norme e delle condizioni recate dal presente bando, dalla legge e dal regolamento concorsuale comunale vigenti a disposizione per l’eventuale consultazione.
Agli aspiranti non compete alcun indennizzo né rimborso di spesa per l’accesso al Comune di Pavia e per la permanenza sul posto per l’espletamento delle prove d’esame e per gli eventuali accertamenti sanitari.

La documentazione presentata a corredo della domanda di ammissione non verrà restituita se non su espressa formale richiesta dell’interessato.
Il presente bando di concorso verrà affisso presso l’Albo Pretorio e può essere ivi consultato in orario di ufficio ferma restando la possibilità di ottenerne copia; inoltre potrà essere scaricato dal sito internet: www.comune.pv.it .
L’Amministrazione si riserva, a suo insindacabile giudizio, il diritto di prorogare e/o riaprire i termini del bando ovvero di revocare il concorso per motivi di pubblico interesse.
Ogni altra informazione potrà essere richiesta al Servizio Organizzazione e Sviluppo Risorse Umane del Comune di Pavia (Tel. 0382/399271– e-mail: [email protected]).

12 – DOCUMENTAZIONE DA PRODURRE SUCCESSIVAMENTE ALL’ESPLETAMENTO DEL CONCORSO

Il concorrente dichiarato vincitore del concorso sarà invitato a far pervenire al Comune di Pavia, nel termine e con le modalità indicate nella lettera di invito, a pena di decadenza, la dichiarazione di non avere altri rapporti di impiego pubblico o privato e di non trovarsi in nessuna delle situazioni di incompatibilità richiamate dall’art. 53 del D.Lgs. n. 165 del 30/3/2001. In caso contrario, deve essere espressamente presentata la dichiarazione di opzione per il Comune di Pavia.

L’Amministrazione sottoporrà il vincitore, nel periodo che precede la data di assunzione in servizio, all’accertamento dell’idoneità psico-fisica specifica alle mansioni richieste; tale accertamento è affidato, in ottemperanza alle normative vigenti, al Medico Competente ed alle relative operazioni può assistere il medico di fiducia dell’interessato. Il giudizio medico positivo è indispensabile ai fini dell’assunzione.

Per quei vincitori che non siano riconosciuti idonei o non si presentino alla visita medica nel giorno stabilito, senza giustificato motivo, ovvero rifiuti di sottoporvisi non si procederà all’assunzione.
Sono fatte salve le particolari disposizioni in vigore per l’accertamento dell’idoneità fisica dei mutilati e degli invalidi per cause di guerra o di servizio.
Eventuali altri documenti verranno richiesti qualora l’Amministrazione ne ravvisi l’opportunità.
Il requisito dell’esistenza o meno di procedimenti penali pendenti a carico, sarà accertato d’ufficio dall’Amministrazione, prima dell’immissione in servizio.

13 – ASSUNZIONE DEL SERVIZIO

Il vincitore sarà invitato, tramite raccomandata A.R., a rendere al Servizio Organizzazione e Sviluppo Risorse Umane, entro e non oltre trenta giorni dal ricevimento della stessa e prima di sottoscrivere il Contratto Individuale di Lavoro, le autocertificazioni relative alla sussistenza dei necessari requisiti generali e speciali per l’accesso all’impiego ed ai dati per la gestione del rapporto di lavoro, nonché ogni altra documentazione richiesta. In casi particolari il suddetto termine può essere incrementato, previa domanda scritta del concorrente, di ulteriori trenta giorni. Scaduto inutilmente tale termine l’Amministrazione non dà più luogo alla stipula del contratto.

Il contratto Individuale di Lavoro si risolve di diritto nel caso in cui il lavoratore non assume servizio alla data stabilita salvo proroga del termine per giustificato e documentato motivo e nel caso in cui manca uno dei necessari requisiti, accertato in sede di controllo delle autocertificazioni rese.
Non si procederà all’instaurazione del rapporto di lavoro nei confronti dei candidati che abbiano superato il limite di età previsto dalla vigente normativa in materia pensionistica (65° anno di età).
Il vincitore non potrà acquistare la stabilità all’impiego se non trascorso un periodo di esperimento di sei mesi e dovrà sottostare alle norme contrattuali, di legge e di Regolamento in vigore ed a tutte quelle altre che fossero emanate in futuro. Tale periodo non potrà essere rinnovato o prorogato alla scadenza.

14 – RESPONSABILITA’ DEL PROCEDIMENTO

Ai sensi e per gli effetti della L. 241/90, il Responsabile del procedimento è l’Istruttore Amministrativo del Servizio Organizzazione e Sviluppo Risorse Umane Rag. Lucilla Gastoni e, per la fase relativa agli adempimenti concorsuali attribuiti alla Commissione Giudicatrice, il Presidente della stessa.

15 – INFORMATIVA AI SENSI DEL D.LGS. 30/06/2003 n. 196

Ai sensi e per gli effetti dell’art. 13 del D.Lgs. 30/06/2003 n. 196 “CODICE IN MATERIA DI PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI”, si informa che il trattamento dei dati, forniti dagli aspiranti di ambo i sessi in sede di presentazione della domanda, è finalizzato esclusivamente all’espletamento della presente procedura e, in caso di assunzione, alla costituzione del rapporto di lavoro e avverrà presso il Servizio Organizzazione e Sviluppo Risorse Umane anche mediante l’utilizzo di procedure informatiche e nei limiti necessari a perseguire le predette finalità.

L’ambito di diffusione dei medesimi sarà limitato ai soggetti intervenienti, al personale dell’Ente e ai membri della Commissione Giudicatrice, in base ad un obbligo di legge o di regolamento.
L’interessato potrà far valere i propri diritti previsti dall’art. 7 del D.Lgs. 196/2003, tra i quali figurano l’accesso ai dati che lo riguardano ed alcuni altri complementari tra cui la possibilità di far rettificare, aggiornare, completare o cancellare i dati erronei, incompleti o raccolti in termini non conformi alla legge, nonché il diritto di opporsi al trattamento per motivi legittimi.

Il responsabile del trattamento dei dati, per le finalità sopra enunciate, è il Dirigente del Servizio Gestione Risorse Umane Rag. Gabriele Pioltini nominato con provvedimento P.G. n. 12127/08.

Pavia, dal Municipio, 10/11/2008

IL DIRIGENTE RESPONSABILE
DEI SERVIZI GESTIONE RISORSE UMANE
(Gabriele Pioltini)

Al Servizio Organizzazione e Sviluppo Risorse Umane
del Comune di P A V I A
Piazza Municipio 2 – 27100 P A V I A

__l__ sottoscritt__
cognome nome
fa domanda di poter essere ammess__ al Concorso Pubblico per esami a n. 1 posto di Conservatore Artistico Civici Musei (Cat. D3) a tempo indeterminato e a tempo pieno.

All’uopo chiede che le comunicazioni relative al Concorso le/gli vengano dirette al seguente indirizzo:
Cognome e nome ………………………………………… c/o ………………………………………………….
Via …………………………………………………………………………………………….. n°. ….………………….
C.A.P. ….………..…… – …………….…………………………………………………………. (provincia ………..)
Telefono o Cellulare ……………………………….…….
Inoltre dichiara, sotto la propria responsabilità:
1. di essere nat__ a …………….……….……………………………….……………………… il ………………………;
2. di essere residente in Via …………………………………………………….……… n°. …………….……;
C.A.P. ….………..…… – ………..…………………………………………………………. (provincia ………..)
3. Codice Fiscale: ____________________________;
4. di essere:
□ celibe
□ nubile
□ coniugat__
□ separat__
□ liber__
□ vedov__
5. di avere numero _________ di figli di cui numero _________ a carico;
(la dichiarazione va fatta anche in caso negativo)
6. di essere in possesso della:
□ cittadinanza italiana;
□ cittadinanza di uno Stato dell’Unione Europea ……………………………….…………………. ed in quanto tale di godere dei diritti civili e politici nello stato di appartenenza o provenienza e di avere adeguata conoscenza della lingua italiana;
7. di:
□ essere iscritt__ nelle liste elettorali del Comune di …………………………………………………………;
□ non essere iscritt__ o di essere stat__ cancellat__ dalle liste elettorali del Comune di …………….
..…………………. per il seguente motivo: ………………………………………………………………………..;
8. di avere il godimento dei diritti civili e politici;
9. di essere fisicamente idoneo alle mansioni richieste per il posto messo a Concorso;
10. di avere (solo per gli aspiranti di sesso maschile):
□ adempiuto agli obblighi militari e di trovarsi in congedo illimitato;
□ adempiuto agli obblighi di leva e di essere stato dichiarato:

– □ rivedibile;
– □ riformato;
– □ idoneo a servizi sedentari;
– □ essere in attesa della chiamata alle armi;
– □ di non essere soggetto agli obblighi militari (Legge 23/8/2004 n. 226);
11. di:
□ non avere subito condanne penali e che non vi sono a proprio carico procedimenti penali in corso;
□ avere subito le seguenti condanne penali ……..……………………………………………………………..;
□ avere in corso i seguenti provvedimenti: ….………………………….………………………………………;
12. di non essere stato destituito o dispensato o licenziato dall’impiego presso Pubbliche Amministrazioni;
13. il possesso eventuale di requisiti che danno diritto alla preferenza nella graduatoria di merito;
(la dichiarazione va fatta anche in caso negativo)
………………………..……………………………….…………………..………………………………………………….
14. di essere in possesso del seguente titolo di studio:
– …………………………………………………………………………………………………………………
rilasciato da ….…..…………………………………………………………….………….. il ……………………;
15. di essere in possesso del:
□ master in discipline storico-artistiche;
□ diploma di specializzazione in Storia dell’Arte;
□ abilitazione all’insegnamento di Storia dell’Arte;
16. di avere un’esperienza di lavoro documentata, di _____________, presso musei pubblici, o privati riconosciuti;
17. di scegliere, per integrare la prova orale, la seguente lingua straniera:
□ inglese; □ francese;
18. che i documenti eventualmente allegati sono conformi agli originali ai sensi dell’art. 47 del D.P.R. 28/12/2000 n. 445;
19. di essere consapevole delle sanzioni penali previste dal D.P.R. 445/2000 in caso di dichiarazioni mendaci;
20. di autorizzare, ai sensi del D.Lgs. 30/06/2003 n. 196, ad utilizzare i dati personali contenuti nella presente domanda esclusivamente ai fini della procedura e in caso di assunzione ai fini della costituzione del rapporto di lavoro;
21. di accettare in modo incondizionato tutte le norme previste dal bando;
22. di autorizzare la pubblicazione del proprio nominativo sul sito internet del Comune di Pavia per comunicazioni inerenti il presente concorso.
Solo per i candidati portatori di handicap specificare, in relazione al proprio handicap, debitamente documentato da apposita struttura sanitaria, l’ausilio necessario per l’espletamento delle prove di concorso nonché l’eventuale necessità di tempi aggiuntivi per sostenere le prove stesse.
…………………………………………………………………………………………………………………………

Data, ………………………………………
……………….…………………………………….
firma per esteso

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>