La sanatoria per i lavoratori stranieri parte ufficialmente

di Francesco Pentella Commenta

L’articolo 5 del decreto legislativo n. 109/12 è finalmente operativo; infatti, dal 15 settembre, e fino al prossimo 15 ottobre, è possibile approfittare della sanatoria al fine di regolarizzare la propria posizione di fronte alla legge.

Grazie a questa possibilità, i datori di lavoro italiani o cittadini di uno Stato membro dell’Unione europea, così come i datori di lavoro stranieri in possesso del titolo di soggiorno , che, alla data del 9 agosto 2012 occupano irregolarmente alle proprie dipendenze da almeno tre mesi, e continuano ad occuparli alla data di presentazione della dichiarazione lavoratori stranieri in modo ininterrotto almeno dalla data del 31 dicembre 2011, o precedentemente, possono dichiarare la sussistenza del rapporto di lavoro allo sportello unico per l’immigrazione.

A questo proposito, il Ministero dell’Interno ha fornito alcune indicazioni alle Questure attraverso la circolare n. 7809 dello scorso 12 settembre 2012 insieme a istruzioni operative per l’amministrazione periferica.

La nuova circolare del Ministero offre a tutte le Questure tutti i necessari chiarimenti per verificare le domande che saranno presentate dei datori di lavoro; infatti, il Ministero fornisce chiarimenti sulle attività che dovranno svolgere le Questure per mettere in luce la sussistenza, o meno, dei motivi ostativi alla dichiarazione di emersione da parte del datore di lavoro e del lavoratore quali la pericolosità sociale o la gravità di reati commessi.

Non solo, la nota ministeriale, intende anche chiarire che la regolarizzazione potrà avvenire per tutti i lavoratori presenti in Italia anche se in possesso già di permesso di soggiorno diverso da quello emesso per motivi di lavoro.

Per il ministero è necessario sospendere tutti i procedimenti amministrativi e penali pendenti da parte dei soggetti che si avvalgono della sanatoria e, di conseguenza, di revocarli in caso di efficace emersione.

Nella circolare si evidenziano che i motivi di esclusione alla procedura riguardati i lavoratori stranieri sono stati previsti tenendo conto delle indicazioni della sentenza della Corte Costituzionale n. 172 del 2 luglio 2012 in merito alla valutazione della pericolosità sociale degli stranieri condannati per uno dei reati previsti dall’articolo 381 del codice di proceduta penale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>