Dallo stage al contratto a tempo indeterminato: 2% di probabilità

di Redazione Commenta

Quante sono le probabilità che dallo stage portano all’assunzione in azienda con un contratto a tempo indeterminato? Ebbene, in base ad un sondaggio condotto da Isfol Orientaonline e da Repubblica degli Stagisti, i dati sono tutt’altro che entusiasmanti. Solo in poco più di un caso su cinque, infatti, lo stage si conclude con un contratto di lavoro; per la precisione, la percentuale ricavata dal sondaggio è pari a solo il 21,10%, il che significa che iniziano a lavorare dopo lo stage solo 21 persone circa su cento. Ma come? Ebbene, di questi 21 “fortunati” circa 7 riescono a “strappare” una collaborazione occasionale; circa 6 riescono a “conquistare” un contratto a progetto, altri sei un contratto a tempo determinato e solo due un contratto a tempo indeterminato. Di conseguenza, la probabilità di passare dallo stage al contratto a tempo indeterminato è per un candidato pari al 2%, ma dall’indagine Isfol Orientaonline – Repubblica degli Stagisti emergono anche altri dati interessanti.

Questa probabilità del 2%, infatti, tende a salire se a sostenere uno stage è un candidato che lo effettua quando ha terminato il proprio percorso specialistico di studi, mentre di norma i ragazzi spesso fanno il primo, il secondo ma anche il terzo stage ed oltre nel 19% circa dei casi. L’indagine Isfol – Repubblica degli Stagisti è stata effettuata sulla base di un campione di 3.000 stagisti presi a caso a fronte dell’esame di ben 5.000 stage, e fa emergere come a conti fatti lo stage in otto casi su dieci non possa essere considerato nel nostro Paese come un’opportunità per trovare lavoro, ma al più per accrescere il proprio bagaglio formativo e di competenze.

E visto che ogni anno in Italia vengono attivati almeno 400 mila stage, è chiaro che è più facile lavorare gratis o quasi per sei mesi in azienda piuttosto che trovare un posto di lavoro. Gli stagisti a conti fatti nel nostro Paese sono un vero e proprio esercito, e molti di questi, come mette in risalto l’indagine, sono dei veri e propri “stagisti seriali” in quanto ne hanno già sostenuti almeno tre, ma si trovano ancora a spasso non per demeriti, ma perché sappiamo tutti quali sono le criticità che attanagliano nel nostro Paese il mondo del lavoro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>