Disoccupati in Lombardia: nuove opportunità dalle imprese culturali

di Redazione Commenta

Al via dal 15 marzo un bando da 1 milione di euro finalizzato al finanziamento di stage e periodi di studio all’estero per disoccupati e inoccupati interessati allo sviluppo di prodotti e servizi innovativi nel settore culturale e creativo. Si tratta di un accordo Regione Lombardia-Fondazione Cariplo da 4 milioni di euro per il biennio 2013-2014.

Lo scopo è quello di avviare strategie di promozione e sostegno alle imprese culturali e creative lombarde: è un settore molto diversificato che abbraccia vari ambiti di attività: dalle arti visive allo spettacolo dal vivo, dal design alla pubblicità, dall’editoria alla musica, dalla radio-televisione al cinema, dai videogiochi ai temi digitali. Le linee di intervento dell’accordo viaggiano su due linee: Linea 1 e Linea 2.

Sulla Linea 1 vengono sviluppati interventi per imprese culturali-creative e transnazionalità; previsti due avvisi pubblici: uno per il finanziamento di stage nei Paesi della Comunità europea per inoccupati o disoccupati pubblicato sul Burl e l’altro per gli imprenditori, lavoratori e ai liberi professionisti del settore. Questa linea d’intervento è finanziata da Regione Lombardia con risorse del Fondo sociale europeo, nell’ambito delle attività previste dall’Asse V Transnazionalità e interregionalità: la dotazione complessiva è di 2 milioni di euro.

La Linea 2 prevede interventi per innovazione e cultura oltre ad un progetto per l’avvio e lo sviluppo di attività imprenditoriali finalizzate alla produzione e alla diffusione di servizi innovativi per la valorizzazione della cultura. Il progetto sarà promosso e finanziato da Fondazione Cariplo e destinato a disoccupati e inoccupati della Regione.

Con queste nuove iniziative rivolte ai disoccupati e inoccupati del territorio, Regione Lombardia si pone l’obiettivo di offrire, a chi si occupa o desidera occuparsi di creatività in ambito culturale, l’opportunità di entrare in contatto con realtà internazionali già note, per poter sviluppare le proprie idee creative mediante il confronto e la collaborazione con professionisti europei oltre alla possibilità di sviluppare una propria idea di innovazione culturale in un progetto imprenditoriale di più ampie potenzialità.

I progetti del primo bando possono essere presentati da diversi soggetti disoccupati e inoccupati, singolarmente o associati sotto forma di Associazione temporanea d’impresa (Ati) o Associazione temporanea di scopo (Ats), già costituita o da costituire a finanziamento approvato. Ovvero da università lombarde; da istituzioni dell’Alta formazione artistica e musicale (Afam) con sede in Lombardia e riconosciute dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca; da operatori accreditati da Regione Lombardia per l’erogazione dei servizi formativi, che abbiano svolto negli ultimi due anni corsi di formazione superiore e corsi di specializzazione di durata pari o superiore a 500 ore e infine da incubatori d’impresa e centri di coworking.

APPROFONDIMENTI
*Giovani disoccupati e inoccupati, corsi e tirocini da Regione Lombardia
*Dote Lavoro e Formazione nella Regione Lombardia
*Incentivi assunzioni: tirocini formativi in Lombardia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>