Inail, la prevenzione e l’EXPO 2015

di Redazione Commenta

Raggiunto un accordo in vista dell’EXPO 2015 tra l’Inail e le parti sociali con una serie di norme interessanti e significative nel campo della sicurezza in previsione dell’evento di portata internazionale programmato tra quattro anni.

Tra i punti previsti un poliambulatorio permanente, tariffe straordinarie per le imprese aderenti e copertura assicurativa per i lavoratori volontari: l’ultimo punto è quello, senza dubbio, più significativo perché è rivolto ad offrire una copertura di tipo assicurativo ai circa 28mila volontari che parteciperanno all’evento mondiale.

È partito così il progetto Sicurezza e Prevenzione Expo 2015 sottoscritto a Milano, dai vertici dell’INAIL – il presidente dell’INAIL, Marco Fabio Sartori, il direttore generale, Giuseppe Lucibello, e il presidente del Civ, Franco Lotito – con i segretari confederali di Cgil, Cisl e Uil, Vincenzo Scudiere, Fulvio Giacomassi e Paolo Carcassi e con l’ad di Expo 2014, Giuseppe Sala. Il documento nasce da un’iniziativa promossa proprio da Expo spa e da Cgil, Cisl e Uil di Milano e Lombardia, che hanno trovato nell’INAIL un consulente attento e soprattutto istituzionale.

Il presidente dell’Istituto, Marco Sartori, si dichiara soddisfatto della nuova iniziativa che conferma così il ruolo dell’Inail come centro di prevenzione per imprese e lavoratori.

Questo protocollo rientra pienamente nella strategia di partnership e di sinergie autentiche che l’INAIL sta perseguendo da tempo con le parti sociali e le imprese, nella volontà di trovare gli spazi di collaborazione più ampi possibili con tutti gli attori, per una promozione capillare della cultura della sicurezza

L’iniziativa rientra tra le attività istituzionali dell’Istituto, un nuovo sforzo con investimenti economici molto ingenti, come dimostrano i circa 750 milioni di euro di incentivi che verranno stanziati entro il 2013 a favore di tutte le aziende che decideranno di investire nella salute dei propri dipendenti.

L’obiettivo dell’Istituito di riferimento antinfortunistico è quello di offrire un insieme di regole che possono contribuire e realizzare un momento di confronto  e di leale collaborazione per tutte le grandi opere.

Grande anche la soddisfazione espressa dal CIV INAIL, Lotito, che tra l’altro ha svolto una funzione di coordinamento nella realizzazione dell’accordo, e per voce del suo presidente ha voluto confermare la piena adesione all’iniziativa

Si tratta di un protocollo molto innovativo per quanto riguarda il modo di concepire gli interventi per la prevenzione, perché viene a costituire una vera e propria ‘programmazione d’anticipo’ degli strumenti anti-infortunistici in grado non solo di impedire a monte gli incidenti, ma anche di intervenire – nel caso si verificassero – con celerità immediata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>