Lavoro sanità: Lombardia, aiuti ai medici specializzandi

di Redazione Commenta

Da qui al 2015 in Lombardia, senza i dovuti interventi, si rischia in Regione la carenza di medici rispetto a quelli che sono necessari per la tutela della salute dei cittadini. Ed allora, su proposta dell’assessore regionale alla Sanità, la Giunta è nuovamente scesa in campo approvando un primo finanziamento, per un controvalore pari a due milioni di euro, grazie al quale sarà garantita l’attivazione di quaranta contratti a favore di altrettanti medici specializzandi presso le Università della Regione Lombardia. Trattasi, nello specifico, di contratti aggiuntivi rispetto a quelli già stabiliti dal MIUR, il Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca; inoltre la Giunta, nella stessa riunione, e con la stessa delibera approvata, ha altresì stanziato altri 2,6 milioni di euro circa per l’attivazione di contratti aggiuntivi a valere sullo scorso anno, e sempre rientranti nell’ambito della copertura attraverso il Bilancio regionale.

I quaranta contratti aggiuntivi per cui è stata assicurata la copertura, da parte della Regione Lombardia, sono a favore di medici specializzandi in vari settori della medicina, tra cui la chirurgia pediatrica, neuropsichiatria infantile, nefrologia, anestesia e rianimazione, malattie cardiovascolari, medicina d’urgenza, psichiatria, pediatria e gastroenterologia.

Secondo quanto dichiarato dal Presidente della Regione Lombardia, quello relativo alla carenza dei medici è un problema da affrontare subito e per cui non solo è stato attivato, presso gli Atenei, ed in particolare presso le Facoltà di Medicina, un tavolo di lavoro con i rettori, ma proseguono anche i contatti con il Governo nazionale al fine di poter trovare una soluzione.

La decisione di intervenire con nuovi fondi a favore dei medici specializzandi è arrivata proprio nell’ambito del tavolo di lavoro con i rettori. In questo modo, rispetto ai 755 posti che sono stati già stabiliti dal MIUR, il Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca, se ne aggiungeranno altri 40. Secondo l’Assessore regionale alla Sanità si potrà raggiungere un numero sufficiente di medici specializzandi per il fabbisogno effettivo sul territorio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>