Le nuove prestazioni sociali concesse dai Comuni per l’anno 2013

di Francesco Pentella Commenta

L’INPS, attraverso la sua circolare n. 34 del 28 febbraio 2013, rende noto i nuovi importi delle prestazioni sociali concesse dai Comuni ed i relativi requisiti economici, rivalutati in base all’incremento dell’indice Istat dei prezzi al consumo per le famiglie di operai ed impiegati.

Rientrano in questo contesto l’assegno per il nucleo familiare e l’assegno mensile di maternità.

Ricordiamo che l’assegno mensile di maternità può essere richiesto dalla madre anche adottante, dal padre anche adottante, dall’affidataria preadottiva, dall’affidatario preadottivo, dall’adottante non coniugato, dal coniuge della madre adottante o dell’affidataria preadottiva e dall’affidatario/a (non preadottivo/a) nel caso di non riconoscibilità o non riconoscimento da parte di entrambi i genitori.

Al contrario, l’assegno per il nucleo familiare può essere richiesto dai nuclei familiari con almeno 3 figli minori e deve essere richiesto al Comune di residenza entro il 31 gennaio dell’anno successivo a quello cui si riferisce la domanda.

Per l’Assegno per il nucleo familiare, il nuovo importo da corrispondere per il corrente anno è ora pari a 139,49 euro e per le domande relative al medesimo anno, il valore dell’indicatore della situazione economica, con riferimento ai nuclei familiari composti da cinque componenti, di cui almeno tre figli minori, è pari a Euro 25.108,71. Per l’assegno mensile di maternità, spettante nella misura intera, per le nascite, gli affidamenti preadottivi e le adozioni senza affidamento avvenuti dal 1 gennaio 2013 al 31 dicembre 2013 è pari a Euro 334,53 per cinque mensilità e quindi a complessivi 1672,65 euro.

Di conseguenza, il nuovo valore dell’indicatore della situazione economica, con riferimento ai nuclei familiari composti da tre componenti, da tenere presente per le nascite, gli affidamenti preadottivi e le adozioni senza affidamento avvenuti dal 1° gennaio 2013 al 31 dicembre 2013, è pari a Euro 34.873,24, mentre il nuovo valore dell’indicatore della situazione economica, con riferimento ai nuclei familiari composti da cinque componenti, di cui almeno tre figli minori, è pari a 25.108,71 euro.

L’importo dell’assegno mensile di maternità, spettante nella misura intera, per le nascite, gli affidamenti preadottivi e le adozioni senza affidamento avvenuti dal 1° gennaio al 31 dicembre 2013, è pari a 334,53 euro per cinque mensilità (pari a 1.672,65 euro complessivi). Il valore dell’indicatore della situazione economica, con riferimento ai nuclei familiari composti da tre componenti, è stabilito pari a 34.873,24 euro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>