Lavoro e titolo di studio: quando il “pezzo di carta” non basta

di Redazione 1

Il “pezzo di carta” basta per poter trovare un lavoro dopo aver sostenuto il colloquio, e dopo aver superato la selezione per entrare nei ranghi di un’azienda? Ebbene, la risposta è negativa; il titolo di studio, infatti, è necessario ma non sufficiente in Italia per poter essere assunto e per poter iniziare a “spendere” le proprie competenze all’interno di un’azienda. Questa situazione viene ben messa in evidenza da un’indagine effettuata nel mondo imprenditoriale dal Sistema informativo Excelsior di Unioncamere e Ministero del Lavoro: per i neo-assunti, nel rapporto di sette ogni dieci, infatti, serve una formazione aggiuntiva cui l’impresa fa fronte in due modi.

Ci sono i casi, infatti, in cui l’impresa per la formazione “continua” dei neo-assunti si avvale sia di periodi di affiancamento “on the job“, sia di corsi organizzati all’interno dell’azienda; mentre in altri casi l’impresa, al fine di affinare la formazione delle proprie risorse umane, si avvale di corsi esterni. Dall’indagine di Unioncamere, in particolare, emerge che addirittura per l’82% dei laureati scatta la cosiddetta “formazione post entry”, mentre la percentuale scende al 75,7% per i diplomati.

E per particolari figure richieste dalle imprese, il bisogno di “formazione post entry” diventa quasi un passo obbligato; ad esempio, per l’anno in corso emerge come i neo-assunti per la posizione di “Statistico” siano oggetto di  “formazione post entry” nel 94% dei casi; a seguire ci sono i neo-assunti che sono laureati in ingegneria civile e ambientale, per i quali nel 92% dei casi il “pezzo di carta” non è sufficiente per potersi sedere sul posto di lavoro ed iniziare a “vivere” in azienda. Una percentuale molto alta per la “formazione post entry“, con l’89%, si registra anche per i laureati in ingegneria industriale, mentre tra i diplomati, con una percentuale dell’87%, non basta il “pezzo di carta”, ma ci vuole la formazione aggiuntiva, per coloro che hanno preso il diploma ad indirizzo termoidraulico, chimico, agrario ed alimentare.

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>