Nuova proposta per rilanciare il settore delle costruzioni

di Redazione Commenta

Sull’ultimo numero della newsletter “Politiche abitative” della CGIL si propone un nuovo piano che serve a rilanciare il settore della progettazione e delle costruzioni puntando sul Piano Città, da finanziare con due miliardi di euro che attiveranno interventi per complessivo 30 miliardi.

Il nuovo piano prospettato dalla CGIL è il risultato del secondo osservatorio per le energie rinnovabili e l’efficienza energetica, presentati dalla Fondazione Silvio Tronchetti Provera e l’Agenzia per l’Innovazione Agenzia per l’Italia Digitale.

Infatti, il nuovo piano si baserebbe su una maggiore efficienza energetica delle costruzioni del settore portando, in questo modo, alla crescita per un settore economico duramente colpito dalla crisi. Secondo i dati diffuso dalla newsletter, un incremento di efficienza energetica del 23% determinerebbe nei prossimi 10 anni un aumento della domanda interna di oltre 1,3 mld euro, con un contributo al tasso medio di crescita del Pil di circa lo 0,5%.

Sul fotovoltaico, l’osservatorio precisa che nel 2012 la capacita installata di impianti fotovoltaici nel mondo è stimata in crescita del 45% a 98 Gw, rispetto ai 67,3 Gw del 2011; mentre sarebbero installati nuovi 21 Gw a livello mondiale, in calo rispetto ai 28 Gw del 2011.

L’efficienza energetica e le fonti rinnovabili, ha spiegato il ministro dell’ambiente Corrado Clini

non sono solo due driver per la difesa dell’ambiente, ma due elementi chiave del cambiamento. E’ necessario che il sistema energetico venga governato “altrimenti si rischia di perdere quel vantaggio che e stato realizzato e consolidato in Italia anche grazie agli incentivi. Inoltre i prezzi sull’energia nel nostro Paese devono essere abbassati. L’efficienza energetica e le fonti rinnovabili sono lo strumento per costruire un futuro competitivo

Si ricorda che il comparto degli impianti residenziali e commerciali ha fatto registrare il volume d’affari piu basso tra tutti i segmenti di mercato, con una riduzione rispetto al valore 2010 di oltre il 30%.

I dati dell’osservatorio sono stati raccolti nel libro “Energie rinnovabili ed efficineza energetica, scenari ed opportunità”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>