Trovare lavoro con l’educazione finanziaria

di Redazione Commenta

Per trovare lavoro nel nostro Paese è molto importante anche l’educazione finanziaria a scuola. A rilevarlo è stata la Camera di Commercio di Milano in base ad un’elaborazione effettuata prendendo a riferimento i dati Excelsior sulle assunzioni programmate per l’anno in corso nel Comune di Milano e nella Provincia. Questo perché a Milano e Provincia sono i diplomati in ragioneria quelli più richiesti dalle imprese con quasi 9 mila assunzioni corrispondenti ad oltre il 40% delle assunzioni di diplomati, ed al 20% del totale delle assunzioni su tutto il territorio provinciale. La richiesta di ragionieri quest’anno è aumentata del 16% rispetto al 2009 con a ruota i diplomati ad indirizzo meccanico che coprono una quota del 7% degli assunti diplomati; complessivamente quasi il 50% delle assunzioni a Milano e Provincia è composto da diplomati a fronte di oltre 21 mila richieste. Contestualmente le imprese non riescono sempre a reperire giovani con il profilo scolastico e professionale richiesto, con la conseguenza che ci sono molti giovani disoccupati e molte aziende che non riescono a completare i propri piani di assunzione.

Secondo la Camera di Commercio di Milano l’educazione finanziaria deve trovare spazi adeguati nella scuola italiana, a partire dalla scuola primaria per poi acquisire maggiore intensità nella scuola secondaria visto che è indispensabile una formazione tale che il giovane da grande sia in grado di poter andare a scegliere ed a programmare quote di risparmio e quote di consumo, ma anche pianificare la propria pensione e gestire i rischi della vita quotidiana anche attraverso la stipula di coperture assicurative.

Il presidente dell’azienda speciale della Camera di commercio di Milano Formaper, Umberto Bellini, ha dichiarato che si punta a promuovere iniziative tali da rafforzare le sinergie tra lo studio e la realtà lavorativa. Questo perché nell’economia italiana, ed ancor di più in quella di Milano e Provincia, l’elemento centrale per la competitività è dato proprio dalla qualità delle risorse umane che abbiano capacità di orientamento ai principi dell’imprenditorialità unitamente alla dovuta attenzione ai valori economici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>