La monocommittenza, requisito indispensabile per indennità una tantum

 
Anna Carbone
15 giugno 2012
commenti

La monocommittenza requisito indispensabile per indennità una tantum1 300x200 La monocommittenza, requisito indispensabile per indennità una tantumIntanto ricordiamo che ”monocommittenza” sta a definire il lavoro svolto per un unico datore di lavoro o per una sola azienda committente con contratto a progetto.

Il periodo di monocommittenza si riferisce, naturalmente, al periodo di tempo relativo all’ultimo rapporto di lavoro con contratto a progetto, al termine del quale si è verificata la “fine del lavoro” in quanto è stata portata a termine la realizzazione del progetto per il quale il lavoratore è stato assunto, appunto con contratto a progetto.

Naturalmente viene fatto un controllo per verificare se nel periodo di riferimento il richiedente abbia di fatto fornito contemporaneamente la sua collaborazione ad un solo committente e non a diversi committenti, poiché in tale caso è esclusa la monocommittenza e, di conseguenza, la prestazione assistenziale a sostegno del reddito. Si tratterebbe di dolo…

In altre parole, sono in regime di monocommittenza tutti i co.co.pro. che non abbiano svolto nello stesso periodo un’altra collaborazione con un altro datore di lavoro o un altro committente. È possibile, infatti, che nello stesso arco di tempo il beneficiario della prestazione abbia lavorato con diversi committenti, a condizione che i relativi periodi di co.co.pro. non si sovrappongano nel periodo di lavoro considerato ai fini della prestazione assistenziale dell’*indennità una tantum.

Ad esempio, se il lavoratore a progetto svolge lavoro di collaborazione con un solo committente nel periodo compreso fra il 1° gennaio e il 31 luglio e con un altro solo committente dal 1° luglio al 31 dicembre, i due periodi non si sovrappongono e quindi prevale il requisito della monocommitenza richiesto per l’indennità una tantum. Invece i periodi si sovrappongono se il lavoratore a progetto, nello stesso periodo, ad esempio dal 1° gennaio al 31 luglio, ha collaborato contemporaneamente con diversi committenti. In tal caso decade il diritto all’indennità una tantum prevista per i lavoratori a progetto in caso di perdita di lavoro o disoccupazione.

Commenta!

Articoli Correlati
Indennità una tantum, lavoratori esclusi

Indennità una tantum, lavoratori esclusi

Il diritto all’indennità una tantum per perdita di lavoro e disoccupazione è riservato solo ai collaboratori a progetto. Sono esclusi dal diritto all’indennità una tantum a sostegno del reddito i […]

Gestione separata Inps, requisiti di reddito per indennità una tantum

Gestione separata Inps, requisiti di reddito per indennità una tantum

Il lavoratore a progetto ha diritto all’indennità una tantum per disoccupazione se è in possesso di un reddito percepito nell’anno precedente l’anno di riferimento, ovvero l’anno in cui è finito […]

Lavoratori a progetto, indennità una tantum per perdita lavoro e disoccupazione

Lavoratori a progetto, indennità una tantum per perdita lavoro e disoccupazione

Anche nel 2012, i collaboratori a progetto possono ricevere dall’Inps un’indennità una tantum co.co.pro. se perdono il lavoro e, quindi, per disoccupazione, nella misura di 4.000 euro. Per percepire l’indennità […]

Requisiti per indennità una tantum lavoratori a progetto per perdita lavoro e disoccupazione

Requisiti per indennità una tantum lavoratori a progetto per perdita lavoro e disoccupazione

All’atto di presentazione della domanda all’Inps per la percezione dell’indennità una tantum per i lavoratori a progetto, confermata anche per il 2012, i lavoratori interessati devono essere in possesso dei […]

Decadenza diritto indennità una tantum per perdita lavoro e disoccupazione

Decadenza diritto indennità una tantum per perdita lavoro e disoccupazione

I collaboratori a progetto hanno diritto all’indennità una tantum solo se confermano la loro immediata disponibilità al lavoro o ad un percorso di riqualificazione professionale. Devono tuttavia dichiarare e sottoscrivere […]