Lavoro Piemonte: nuovi aiuti per i settori in crisi

di Redazione Commenta

Grazie ad un accordo siglato tra il Governo centrale e la Regione Piemonte, a valere sul 2011 e sul 2012, ci saranno a disposizione per l’Amministrazione regionale fondi per complessivi 27 milioni di euro da utilizzare per il sostegno al lavoro ed in particolare per venire incontro ai settori in crisi. I comparti interessati alle misure che poi saranno messe a punto, e che mirano alla riqualificazione professionale ed al finanziamento di servizi per l’inserimento nel mondo del lavoro, sono quelli della meccanica, del tessile e dell’ICT. A firmare a Torino l’accordo Stato-Regione nella giornata di ieri, lunedì 31 gennaio 2011, sono stati Maurizio Sacconi, ministro del Lavoro e del Welfare nell’attuale Governo in carica, e Claudia Porchietto, che nell’Amministrazione regionale piemontese ricopre la carica di Assessore al Lavoro ed alla Formazione professionale. Con i finanziamenti a disposizione nel biennio si stima che potranno essere aiutati ben tremila lavoratori nell’ambito degli interventi di riqualificazione professionale e di reinserimento nel mondo del lavoro di quei soggetti espulsi dai settori in crisi sopra citati.

L’incontro Governo-Regione di ieri, inoltre, è stato fruttuoso per i lavoratori piemontesi anche dal lato degli interventi di sostegno al reddito. Al riguardo è infatti arrivato anche l’accordo relativo al rifinanziamento, a valere sull’anno 2011, della cassa integrazione in deroga affinché i lavoratori dipendenti presso aziende in difficoltà non rimangano scoperti in termini di accesso agli ammortizzatori sociali.

Nell’ambito delle politiche anticrisi a sostegno dell’occupazione, la Regione Piemonte ha sinora stanziato e speso quasi 15 milioni di euro a fronte di circa 28 mila piemontesi che hanno potuto fruire degli interventi di politica attiva a partire dall’accoglienza e passando per le misure di orientamento, formazione professionale ed accompagnamento al lavoro. E per l’anno in corso l’Amministrazione regionale mira a migliorare ulteriormente l’incisività degli interventi anche attraverso un rapporto ancora più stretto con le parti sociali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>